Salvatore Giuliano nominato sottosegretario al Miur

Il dirigente dell'istituto Majorana di Brindisi è considerano un innovatore della didattica. Due anni fa, a Varese, ispirò la platea di docenti: « A scuola si va per apprendere»

salvatore giuliano

Marco Bussetti Ministro e Salvatore Giuliano sottosegretario. Il mondo della scuola spera dopo le nomine fatte per il dicastero che regola e guida istruzione e università.

La notizia che il dirigente dell’istituto Majorana di Brindisi sia stato scelto per collaborare con Bussetti è stata accolta con grande favore: da anni, il dirigente lavora per innovare la didattica e introdurre sistemi e modalità di lavoro più attuali e tecnologicamente adeguati. Il suo nome era stato indicato dal M5S per lo stesso ministero, poi il risultato dell’urna e il contratto con la Lega di Salvini avevano portato ad alcuni cambiamenti.

Tra le innovazioni più famose che ha promosso il “bookinprogress” libri di testo “fai da te” scritti dai docenti e stampati in proprio che, piano piano, hanno conquistato molte scuole dell’Italia. Tra i sostenitori del primo minuto di questa iniziativa l’allora preside dell’Itc Tosi di Busto Arsizio Benedetto Di Rienzo che ha continuato poi la sua collaborazione con Giuliano su altri fronti ed esperienze.

Tra i “nei” contestati, al tempo della candidatura a ministro del Governo Cinque Stelle, il fatto di aver appoggiato la riforma della Buona Scuola e di essere stati consulente del Ministro Fedeli. Critiche ridimensionate davanti alla posizione profondamente innovatrice di Giuliano che, lo scorso anno, aveva proposto anche di posticipare l’orario di inizio della scuola alle 9 per seguire meglio i ritmi di vita dei ragazzi.

Salvatore Giuliano fu protagonista di una partecipata conferenza nella sala dell’ex cinema Vela a Varese. Insieme al neuropsichiatra infantile, professor Cristiano Termine, parlò della scuola che innova attraverso la Scuola Digitale: « Il cambiamento sta avvenendo. È un movimento che va allargandosi – commenta il professor Giuliano – Ci sono idee e investimenti. Molte azioni sono già partite ed entro il 2017 sarà completa la formazione di tutto il personale della scuola, didattico e amministrativo perché la grande rivoluzione abbraccia ogni aspetto di questo mondo. I docenti ci sono: al di là dell’età anagrafica, molti insegnanti stanno innovando, consapevoli che sia giunto il momento. Ora ci sono i soldi: non possiamo sprecarli». E aggiunse: « Oggi accade troppo spesso che a scuola gli insegnanti insegnino e a casa i bambini imparino – sottolinea Giuliano – Non deve più accadere, occorre invertire il paradigma: a scuola si va per apprendere».

Insieme a Giuliano è stato nominato sottosegretario anche il prof. on. Lorenzo Fioramonti, un economista, designato in un primo tempo da Di Maio proprio come Ministro per lo Sviluppo economico.

Direttore generale del Ministero il Consigliere Giuseppe Chiné, già Capo di Gabinetto del Ministero della Salute. Chiné è Consigliere di Stato ed è stato, per oltre quindici anni, magistrato amministrativo e, ancor prima, magistrato ordinario: «La sua ampia esperienza e la sua preparazione – ha commentato il Ministro Bussetti – saranno essenziali per affrontare con rapidità e competenza i temi e le urgenze del nostro Ministero. Al nuovo Capo di Gabinetto vanno i migliori auguri di buon lavoro».

di
Pubblicato il 13 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore