Al Mambo Club non c’è prostituzione, tutti assolti i gestori

L'inchiesta partì dalla denuncia di una dipendente del night che raccontò di essere stata costretta ad avere rapporti sessuali a pagamento con clienti

processo telos

Il Mambo Club, locale notturno molto noto a Vergiate e dintorni, non ha violato la legge Merlin e i tre gestori, imputati di induzione e sfruttamento della prostituzione, sono stati tutti assolti per non aver commesso il fatto.

La sentenza è stata emessa questa mattina (giovedì) dal collegio giudicante del Tribunale di Busto Arsizio presieduto dal giudice Rossella Ferrazzi. La vicenda risale al maggio del 2017 quando i carabinieri di Gallarate, in seguito ad un’inchiesta della Procura di Busto Arsizio, aveva sospeso l’attività del locale ed emesso un provvedimento di divieto di dimora nei confronti dei gestori del locale. L’unico obiettivo imposto alle ragazze, secondo quanto ricostruito dalla difesa, era quello di far spendere soldi ai clienti attraverso le consumazioni.

L’indagine, nata dalla denuncia di una ex-dipendente che aveva raccontato agli inquirenti di aver dovuto subire abusi sessuali da parte di un cliente, aveva anche accertato la consumazione di rapporti all’interno dei privè del club ma non sarebbe stata del tutto acclarato il fatto che i gestori guadagnassero dei soldi dalle prestazioni delle ragazze. Se qualche prestazione c’è stata, dunque, sarebbe stata concessa volontariamente da qualcuna di queste ragazze e non ha, comunque, portato profitto al locale.

Le richieste di pena del pubblico ministero Rossella Incardona andavano dai 2 anni ai 2 anni e 6 mesi mentre i legali chiedevano l’assoluzione per i loro assistiti. Alla fine i giudici hanno deciso di assolverli.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 12 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore