Cosa fare se si finisce a mollo con l’auto

Restare bloccati in un sottopassaggio mentre l'acqua sale: le conseguenze possono essere anche molto serie. Ecco i consigli degli esperti

Nubifragio 5 luglio 2018

Che cosa possiamo fare se veniamo sorpresi da un violento temporale e ci troviamo in auto intrappolati in un sottopasso allagato? Accade per fortuna raramente, ma quando succede le conseguenze possono essere anche molto gravi.

Galleria fotografica

Venegono Superiore: il nuovo sottopasso allagato 4 di 6

Anche se il livello dell’acqua è basso l’auto può danneggiarsi in maniera seria, ed è a quel punto che, spegnendosi, può impedirci di uscire dal sottopasso.

Sono molti i consigli degli esperti che si trovano on line, e tutti danno le medesime indicazioni, che possiamo riassumere così: non fatevi prendere dal panico, aiutate le persone che sono in auto con voi (sbloccando ad esempio le chiusure dell’auto e aiutando a slacciare le cinture di sicurezza), tenete d’occhio il livello dell’acqua perché potete agire in modi diversi.
Il suggerimento principale è non imboccare sottopassaggi in caso di forti piogge, anche se ci sembra che l’acqua non sia alta. Ingranate la retro e scegliete un altro percorso o fermatevi a bordo strada e mettete le quattro frecce.

Se la pozza è più profonda del previsto e la macchina comincia a “galleggiare”  aprite la porta e fate entrare l’acqua: il suo peso riporta a terra le ruote.

Ed ecco i consigli di Al volante. it

Il problema è la forza dell’acqua, che, a mano a mano che l’auto affonda, agisce sulle porte e sui finestrini (premendoli contro le guarnizioni) rendendone impossibile l’apertura. Certo, quando l’abitacolo si riempie d’acqua la spinta interna equilibra quella esterna e le porte si aprono, ma a quel punto non è detto che sia rimasta aria da respirare. L’ideale è abbassare subito il finestrino (se l’impianto elettrico funziona ancora) e uscire al volo. Ma, per capire cosa conviene fare nei diversi casi, leggete i consigli qui sotto.

Riemergere è possibile
✔ Cercate subito di abbassare il vetro, e nel frattempo slacciate la cintura di sicurezza.
✔ Se non siete soli in macchina, però, prima premete il tasto che sblocca le altre porte.
✔ Se l’auto è già sott’acqua, cercate di sfondare il finestrino col gomito o con un oggetto a punta.
✔ È molto meglio un martelletto con la punta in acciaio temperato; si compra dai ricambisti a pochi euro. Tenetelo nel cassetto.
✔ Invece del solo parabrezza, alcune auto di lusso hanno tutti i vetri a tre strati, impossibili da rompere; si può solo aspettare che l’acqua riempia l’interno per aprire la porta.
✔ Prima di rompere il vetro, respirate a fondo e preparatevi ad aggrapparvi: l’acqua vi investirà con violenza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 luglio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Venegono Superiore: il nuovo sottopasso allagato 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore