Inaugurata a Saronno la nuova sede di Confapi

Marco Tenaglia (presidente di Confapi Varese): «Dobbiamo tornare a offrire lavoro e benessere e per questo vorremmo riportare anche le attività produttive nei luoghi dove sorgevano un tempo»

Confapi

Confapi ha inaugurato la nuova sede di Saronno. Al taglio del nastro nello stabile di via G. Ferrari 21, oltre ai vertici della storica associazione datoriale, è intervenuto il sindaco Alessandro Fagioli. La scelta di cambiare sede è stata dettata da motivazioni logistiche ma anche strategiche, con l’intento di potenziare la presenza nella zona sud della provincia, che è quella che pesa di più a livello economico, uffici più grandi e un’aula di formazione di ultima generazione con strumenti innovativi e all’avanguardia in tema di e-learning.

Al di là dell’ampliamento strutturale, gli uffici potranno contare anche su più personale e maggiori competenze per migliorare i servizi, dai rapporti sindacali all’innovazione, legati soprattutto al piano Industria 4.0, dalla tutela della privacy al welfare aziendale.

«La scelta dell’edificio della nuova sede, non è casuale – ha detto il presidente di Confapi Varese, Marco Tenaglia – Vogliamo che gli imprenditori entrino a pieno titolo soprattutto nella questione del recupero delle aree dismesse. Qui come altrove abbiamo spazi una volta dedicati all’industria, oggi vuoti e abbandonati, che devono costituire una risorsa e non un problema per la città. Dobbiamo tornare a offrire lavoro e benessere e per questo vorremmo riportare anche le attività produttive nei luoghi dove sorgevano un tempo, con particolare riferimento alle startup innovative e a tutto ciò che ruota intorno ai temi del digitale e della fabbrica integrata».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore