La “chiesetta di campagna” torna al suo antico splendore

Conclusi i lavori di restauro della piccola chiesa parrocchiale, risalente all’epoca carolingia

Crosio della Valle generiche

Un restauro lungo ed accurato ha riportato al suo antico splendore la piccola chiesa parrocchiale di Crosio della Valle, finora sottovalutata a causa della trascuratezza in cui era stata tenuta nei secoli quale“chiesa di campagna”.

In occasione della festa del patrono Sant’Apollinare, domenica 22 luglio ormai libera da ponteggi, potrà essere ammirata dalle ore 11.00 alle 12.00 e dalle ore 15.30 alle 18.00, giornata in cui il nuovo Vicario Episcopale della zona pastorale di Varese, Mons. Giuseppe Vegezzi, celebrerà la solenne Messa, preceduta dall’incendio del globo alle ore 9.30.

Il restauro realizzato da Rossella Bernasconi, insieme ai collaboratori Simonetta Pagani, Alessandra Sacchetto e Stefano Russo con la direzione dell’arch. Armando Monfè ha permesso di datare la parte più antica dell’edificio a prima del Mille in epoca carolingia ed ha recuperato il soffitto ligneo e l’affresco con i tre Santi (un quarto è nascosto dal posteriore pilastro dell’arco trionfale) datato 1505 e probabilmente riconducibile a Galdino da Varese.

In questi mesi la comunità intera ha collaborato alla restauro grazie al lavoro dei volontari che si sono resi disponibili al supporto di assistenza e a lavoretti vari sempre necessari.

La chiesa di Crosio della Valle è una delle poche, se non l’unica, del territorio ad essere completamente affrescata dal presbiterio a tutta l’aula, ed oggi può nuovamente risplendere grazie alle straordinarie decorazioni ripulite.

Il recupero è stato reso possibile grazie alla collaborazione dell’azienda TECNIPLAST, alla Fondazione Comunitaria del Varesotto, alla Goglio, alla Provincia di Varese, al Comune di Crosio della Valle, alla UBI Banca e ai tanti anonimi benefattori che hanno permesso il restauro del ciclo di affreschi e grazie per la collaborazione all’architetto Luca Rinaldi Soprintendente per l’archeologia, le belle arti e il paesaggio della Lombardia orientale. Tutto il lavoro è stato coordinato dal Comitato Pro Restauro che con costanza e disponibilità ha seguito e segue le fasi di restauro e recupero finanziamenti.

La chiesa sarà visitabile durante i mesi estivi ogni giorno dalle ore 15.00 alle 18.00

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 13 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore