La “rete radio di emergenza” collega anche le navi della Marina

La nota dell'Associazione radioamatori italiani di Varese: "Si tratta tra l'altro di un'opportunità di elevato interesse scientifico"

Radioamatori

Non più soltanto un collegamento terrestre fra tutte le prefetture e diverse strutture della Protezione civile, ma anche – d’ora in avanti – un coinvolgimento diretto del territorio di mare attraverso le navi della Marina Militare. Per Giovanni Romeo, presidente dell’Ari di Varese e coordinatore della rete nazionale di radiocomunicazioni alternative di emergenza, si tratta “di un importante successo ottenuto – sottolinea – grazie alla collaborazione dei vertici stessi della Marina e al costante sostegno della prefettura di Varese“.

In pratica durante le periodiche esercitazioni, realizzate ogni mese in fonia e in digitale con il diretto coinvolgimento delle stazioni radio presenti presso le prefetture e con Varese a fare da capomaglia per il nord (prossimo appuntamento il 26 luglio), alle tradizionali stazioni collegate si aggiungeranno quelle presenti sulle navi che via via saranno appositamente autorizzate. Un esperimento è già stato compiuto con nave Cavour in attesa dell’ok ufficiale giunto proprio in questi giorni con una nota dello Stato Maggiore della Marina in risposta alla richiesta inoltrata dallo stesso Romeo. Il quale precisa: “Si tratta tra l’altro di un’opportunità di elevato interesse scientifico in quanto la propagazione delle onde radio in mare ha caratteristiche difformi da quelle su terra, e dunque la possibilità di collegare le navi accresce l’importanza della rete di comunicazioni radio di emergenza in onde corte, un sistema che offre ancora garanzie valide e sicure”.

Un importante arricchimento dunque per una importante iniziativa nata 35 anni fa sostenuta con forza dall’allora ministro varesino della Protezione civile Giuseppe Zamberletti, con 414 esercitazioni già realizzate, sempre col coordinamento del presidente dell’Associazione radioamatori italiani di Varese. Giovedì 26 luglio, 415esimo appuntamento della serie, saranno collegate 14 prefetture in digitale (ore 19,30) e 34 in fonia (ore 20,30), oltre al dipartimento della Protezione civile, la presidenza Ari, la Repubblica di San Marino e la nave Cavour.

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 07 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore