Laveno Mombello vince l’edizione da record di Oralimpics

La comunità parrocchiale varesotta si è classificata al primo posto alle Olimpiadi degli Oratori

Oralimpics – l’Olimpiade degli Oratori

Dopo tre intensi giorni di sport, giochi e divertimento, anche la seconda edizione di “Oralimpics – l’Olimpiade degli Oratori” è giunta al termine.

Galleria fotografica

Oralimpics – l’Olimpiade degli Oratori 4 di 23

Con un’entusiasmante partecipazione, i ragazzi degli oratori, i volontari e gli spettatori hanno nuovamente dato vita al grande evento  promosso da Csi Milano e Fondazione Oratori Milanesi (Fom), in collaborazione con Coni Lombardia, Regione Lombardia, Comune di Milano ed Arexpo.

Questa mattina i giovani atleti si sono cimentati con le fasi finali delle 14 discipline per provare a coronare il loro piccolo “sogno olimpico”. Sul podio, con il maggior numero di vittorie, si è piazzata la comunità pastorale degli oratori di Laveno Mombello – Sant’Arialdo – Paolo VI  – San Domenico Savio.

Numeri da record anche per l’edizione 2018 della manifestazione, con 3.000 ragazzi, 148 oratori, 1.6 km di impianti sportivi, più di 300 volontari, oltre 5.000 presenze all’inaugurazione ed un’affluenza di ben 15.000 persone nell’arco dei tre giorni.

Don Stefano Guidi, Direttore della Fom: «L’oratorio è il luogo migliore per far praticare sport ai ragazzi e far crescere in loro lo spirito olimpico, con i suoi valori che sono gli stessi del mondo oratoriale. E il nostro sogno ora è credere che Oralimpics diventi una manifestazione continuativa negli anni e un punto di riferimento per lo sport in oratorio».

Massimo Achini, Presidente Csi Milano: «Spero che anche quest’anno l’esperienza di Oralimpics lasci in dote a tutti i ragazzi la consapevolezza che partecipare è importante quanto sognare. L’Olimpiade è il sogno di chi lavora quotidianamente per arrivarci, ma anche di chi è al loro fianco come allenatori, dirigenti o spettatori; è il miglior esempio di quanto lo sport sia un catalizzatore straordinario».

La tre giorni di “Oralimpics – l’Olimpiade degli Oratori” è stata inaugurata con la tradizionale Cerimonia di Apertura e l’accensione del braciere olimpico, mentre il secondo giorno è stato dedicato alle gare eliminatorie dei vari sport, sia individuali che a squadre, in presenza di tantissimi i campioni, che hanno portato la loro testimonianza al “villaggio olimpico”, animato da tanto sport, giochi e divertimento: Gianni Rivera e Sandro Mazzola, due icone del calcio italiano, Hristo Zlatanov e Valentina Diouf, campioni di pallavolo, Beppe Baresi con la figlia Regina, Antonello Riva, ex nazionale di pallacanestro e la campionessa paralimpica Giusy Versace.

A completare un programma davvero ricco, sono stati i giochi sportivi non competitivi, le esibizioni paralimpiche, come baskin, wheelchair hockey e sitting volley, le animazioni e gli spettacoli che hanno accompagnato partecipanti e spettatori in questi tre giorni. Ventidue Federazioni sportive dei comitati lombardi di Coni e Cip, inoltre, hanno fatto conoscere e provare liberamente le proprie attività.

Anche quest’anno “Oralimpics” ha proposto un incontro a sfondo sociale ed educativo dedicato al tema del “Benessere digitale”, organizzato da Lega Serie A, volto a sensibilizzare i giovani all’utilizzo consapevole delle nuove tecnologie, con la testimonianza di Federico Betti, in arte “MikeShowSha”, uno degli youtuber italiani più visualizzati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 luglio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Oralimpics – l’Olimpiade degli Oratori 4 di 23

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore