Social e web, l’agenzia tutta al femminile che si distingue dal gregge

Si chiama Socialfarm, è nata nel 2014 ed è formata da tre ragazze che ogni giorno cercano strategie di comunicazione

Generico 2018

“Prendi il meglio che esiste e miglioralo. Se non esiste crealo”. Hanno scelto una frase dell’imprenditore britannico Henry Royce per la presentazione sulla loro pagina Facebook e non è un caso. L’agenzia varesina Socialfarm è un’impresa tutta al femminile che si occupa di social media marketing e ogni giorno cerca il mix perfetto tra numeri e creatività.

Nata nel 2014 ha sede a Casciago ed è vede alle scrivanie Anna Battaini, Ilaria Villani e Sonia Di Tommaso, tre ragazze che hanno fatto dei social una professione, «Abbiamo iniziato quando era ancora un terreno inesplorato ma abbiamo capito fin da subito che poteva funzionare».

Oggi hanno clienti in tutta la provincia ma anche di livello nazionale, «L’aspetto positivo è che i social sono uno strumento molto democratico. Riescono a valorizzare anche realtà più piccole con buoni risultati. L’aspetto negativo è, ovviamente, che sono strumenti che vanno gestiti continuamente», spiega Anna. Strategia, creatività e originalità da una parte ma anche la capacità di trovare un momento per ricaricare le batterie: «La pausa caffè è d’obbligo», interviene Sonia. «Può essere un momento per scambiare le idee o, addirittura, farsele venire».

L’agenzia di comunicazione in questi anni è cresciuta sempre di più e queste giovani ragazze non hanno nessuna intenzione di fermarsi: «Rispetto a pochi anni fa i clienti hanno più consapevolezza degli strumenti che usiamo ma non sempre si rendono conto del lavoro che c’è dietro. Cerchiamo di spiegarglielo e fare in modo che anche loro possano vedere i risultati». Gestire la campagne Adv, creare piani editoriali, analizzare numeri, monitorare le pagine dei clienti per fare la differenza nel vasto mondo dei social ma, come dicono loro, «la cosa importante è continuare a lavorare confrontandosi e collaborando. Abbiamo molta cura in tutto quello che facciamo, un tratto molto femminile». Il loro simbolo è quello di una pecorella rosa che si distingue in mezzo alla altre.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore