Uccide la nonna e dà fuoco all’appartamento, arrestato 23enne

Il giovane ha ammesso i fatti anche se numerosi aspetti restano da chiarire. L'omicidio risale al 6 luglio

Polizia Cantonale

Svolta nel caso della donna trovata morta venerdì scorso nella sua abitazione a Caslano, nel Luganese.

Oggi è stato arrestato il nipote. Secondo le indagini della Polizia cantonale ha ucciso la nonna colpendola al capo con un oggetto contundente e poi ha dato fuoco all’appartamento. Il giovane, 23 anni, cittadino svizzero domiciliato nel Luganese, è stato arrestato dopo aver ammesso i fatti.

I fatti risalgono al 6 luglio quando la Polizia Cantonale e i Vigili del Fuoco sono intervenuti in un’abitazione a Caslano per un incendio. Lì  hanno trovato anche il corpo senza vita dell’anziana.

In seguito ad un approfondito lavoro di indagine, gli agenti hanno intercettato il giovane, che in sede di interrogatorio ha sostanzialmente ammesso i fatti anche se numerosi aspetti restano da chiarire.

Le ipotesi di reato a suo carico sono quelle di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, turbamento della pace dei defunti, incendio intenzionale e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.

Ora l’inchiesta, coordinata dal Procuratore pubblico Paolo Bordoli, prosegue al fine di chiarire ulteriormente i fatti. La misura restrittiva della libertà per il 23enne è già stata confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore