Un’estate in piazza e a tavola contro il gioco d’azzardo

Dai primi progetti negli anni Duemila ad oggi, la cittadina di Samarate è una delle comunità più attive contro i rischi dell'azzardo. E adesso la rete con i commercianti porta il messaggio ovunque, con gli eventi estivi

Samarate generica generiche

Un messaggio chiaro e potente, sui rischi dell’azzardo. Che fa capolino tra le vetrine, che si trova sul tavolo dove si va a mangiare nella “notte bianca” del paese, che fa capolino sulle bustine dello zucchero del caffè al bar. Mai un’azione di sensibilizzazione è stata così presente e attenta, per avvicinare tutte le persone esposte ai rischi della dipendenza da gioco d’azzardo: a Samarate anche gli eventi estivi diventano un’occasione unica per far passare il messaggio.

Le tovagliette no-azzardo (già sperimentate nei mesi scorsi) saranno presenti a cinque eventi nell’arco del mese di luglio: si parte con la notte bianca a Samarate centro sabato 7 luglio, si prosegue con la festa della birra del locale Sisters’ Pub dal tardo pomeriggio di domenica 8. E poi toccherà ancora alle notti bianche nelle frazioni di Cascina Elisa e Verghera e con lo “spritz party” del 28-29 luglio organizzato dai commercianti dei Portici, una piccola piazza commerciale all’ingresso della cittadina.

Nelle stesse occasioni anche gli altri commercianti si attiveranno usando gli strumenti (gli “appendini”, le tovagliette, le bustine di zucchero) messi a punto nell’ambito della campagna che coinvolge anche altri Comuni della provincia e che è coordinata dalla Associazione Azzardo Nuove Dipendenze.
«Abbiamo avuto un ottimo riscontro dai commercianti, che sono impegnati nelle loro attività ma quando c’è un argomento a impatto sociale si attivano» spiega l’assessore ai servizi sociali Nicoletta Alampi. I messaggi sono a volte ironici, a volte più provocatori e d’impatto (“Attento, ti stanno derubando!”). Ma sopratutto sono le modalità ad essere nuove, un insieme di strumenti che – stando nel quotidiano – «consente di avvicinare più persone, anche quelle che non sono sensibili al tema».

«In questa fase cerchiamo più impatto nelle feste con le tovagliette, proseguiremo poi con le bustine di zucchero nei bar» spiega Emanuele Ielpo, presidente della locale associazione commercianti, affiancato da Fortunato dei Portici e da Samuela Cozzi, del Sisters’ Pub, le altre due realtà che organizzano appunto eventi a luglio. In occasione delle “notti bianche”, il messaggio non sarà condiviso solo dai bar, ma anche da altri esercizi commerciali, alcuni dei quali hanno pensato vetrine ad hoc.

La mobilitazione estiva così massiccia non è forse un caso. Samarate è un po’ un Comune “roccaforte” della lotta all’azzardo, con un’attenzione “bipartisan”, dai primi progetti a metà Duemila con il centrosinistra che attivò uno sportello e una prima campagna di sensibilizzazione, proseguendo poi con le giunte di centrodestra guidate da Leonardo Tarantino, che ha introdotto norme nel piano regolatore e previsto una tassa rifiuti ridotta del 50% per chi toglie slot dal locale. Tarantino – oltre che sindaco – è oggi anche deputato della Lega al governo e guarda con soddisfazione al Decreto Dignità, «che prevede per la prima volta anche il divieto di pubblicità e incomincia a incidere davvero. Una inversione di tendenza, dopo anni in cui sempre si è permesso al settore di crescere».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 06 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore