Campione, flash mob per salvare il casinò

I lavoratori del casinò proseguono nelle dimostrazioni per provare a evitare il fallimento

Non ci stanno i lavoratori del Casinò di Campione.

Dopo il dichiarato fallimento del casinò della exclave italiana, i dipendenti proseguono nella loro mobilitazione per evitare di perdere il posto di lavoro.

Nella giornata di ieri – sabato 11 agosto – gli stessi lavoratori hanno fatto un video. salviamo il casinò di campione

Si tratta del filmato di un flash mob con una grande roulette formata dai dipendenti.

La pagina Facebook è Salviamo Campione

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lenny54

    Paese di 2000 abitanti, 3 km quadrati di estensione e ben 100 dipendenti comunali!! 86 dei quali licenziati solo adesso. A cosa servivano? La recente faraonica e costosissima sede del casino’, stipendi e privilegi a gogo’, debiti con fornitori ticinesi, negli anni migliaia di clienti impoveriti per il vizio del gioco. Far pagare con le tasse degli italiani i debiti e ripartire con questa “attivita”? Si puo’ farne a meno e vendiamo tutto a qualche petroliere arabo per rifarci dei danni.

  2. Scritto da Felice

    Chiudere, chiudere….liquidare e svendere al primo russo o arabo.
    Preferisco salvare una azienda in territorio italiano che dopo i salti mortali per sopravvivere, tasse pagate fino all’ultimo e dipendenti salvaguardati non ce l’ha fatta a sopravvivere e minaccia la chiusura piuttosto che salvare una enclave la cui dubbia utilità è ora messa in discussione dopo anni di grandi mangiatoie e vacche grasse.

Segnala Errore