Javorcic: «Abbiamo dato il massimo. Il calcio è in una situazione imbarazzante»

Il tecnico della Pro Patria commenta la gara d'esordio di Coppa Italia di Serie C, ma anche la situazione del calcio italiano. Le prime parole di Mastroianni in biancoblu: «Sono carichissimo»

ivan javorcic pro patria

Termina 2-2 la sfida tra Pro Patria e Gozzano, sfida di andata di Coppa Italia di Serie C ed esordio stagionale sia per i tigrotti, sia per i piemontesi. Al termine della gara, mister Ivan Javorcic fa i complimenti ai suoi, ma non è del tutto soddisfatto: «Ho fatto loro i complimenti perché hanno dato il massimo. Nei primi 15-20 minuti della ripresa la squadra è stata più efficace rispetto al primo tempo, quando avevamo il controllo del gioco ma non eravamo pericolosi. In questo momento va bene così. Abbiamo raggiunto gli obiettivi per il minutaggio, meno soddisfacente il risultato. Potevamo fare meglio e meritare qualcosa in più. Quando dominiamo sotto certi punti di vista, non possiamo subire sui calci da fermo».

«Anche prima di mettere peso all’attacco – spiega Javorcic – abbiamo fatto bene e costruito buone occasioni. Potevamo concretizzare di più: al di là delle scelte ora si lavora sulla condizione della squadra. Abbiamo tempo per migliorare la disciplina; ho visto comunque buone cose e sono soddisfatto».

«La situazione del calcio è abbastanza imbarazzante – commenta il mister croato –, ma credo che dobbiamo lavorare e dobbiamo pensarci il meno possibile. Sembra la solita estate italiana. Andiamo avanti e pensiamo a noi stessi, proponendo qualcosa di interessante e magari facendo anche risultati migliori. Cercheremo di andare lì e vincere la partita: ci proveremo sicuramente».

Dalla società intanto si scusa ufficialmente per le condizioni del campo, colpite dai lombrichi che stanno rovinando il terreno di gioco. Dalla dirigenza spiegano che anche dalla Regione Lombardia si stanno muovendo per risolvere la situazione, che è uguale anche in altri stadi.

Antonio Soda, allenatore del Gozzano: «Noi non siamo ancora completi, i ragazzi hanno fatto una grande partita oggi contro una bella squadra. Potevamo chiudere la gara ad inizio ripresa, ma abbiamo preso la traversa. Avremmo potuto portarla a casa, nel futuro mi auguro che riusciremmo a chiuderle prima. Loro hanno fatto tanto possesso palle, noi invece siamo stati più pericolosi. Il lavoro paga: i ragazzi si stanno impegnando tantissimo e siamo contenti così».

Esordio con gol per Ferdinando Mastroianni: «Le prime sensazioni sono positive, anche perché la società mi ha dimostrato subito di essere molto seria. Un gruppo unito, che ha vinto ma è umile. La speranza è quella di integrarmi al meglio, ma ci sono tutti i presupposti. Sul gol, quando ho visto che arrivava la palla mi sono girato e ho calciato, è andata bene. Ho scelto il 17 assieme al team manager. Penso di essere una punta che si mette a disposizione della squadra dando una mano e facendo il gioco sporco. Ho tanta fame e mi piace questo sport, ho tanta passione. Sono carichissimo».

 

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore