mostra fondazione bandera
foto varie di eventi vari
Da domenica 24 gennaio 2016 a sabato 27 febbraio 2016

La dinamica della Forma

Apre i battenti domenica 24 gennaio la mostra “La dinamica della forma” di Umberto Corni e Attilio Tono, a cura di Cristina Moregola. Inaugurazione alle ore ore 18.00 alla Fondazione Bandera di via Andrea Costa 29

Orari: Da giovedì a domenica 16.00 – 19.00. Chiusura il 27 febbraio

La Fondazione Bandera per l’Arte presenta Smelting Works, un nuovo progetto espositivo ideato e curato da Cristina Moregola, pensato come un processo culturale capace di attivare occasioni di dialogo fra i linguaggi dell’arte contemporanea e fra questi ultimi e i diversi campi del sapere. Il progetto, il cui nome è un chiaro riferimento al lavoro di fonderia svolto nel corso del ‘900 negli spazi oggi sede della Fondazione Bandera, prevede una serie di mostre dedicate agli artisti emergenti delle ultime generazioni attivi a livello nazionale ma presenti anche sulla scena artistica internazionale alle quali sarà affiancata una programmazione in grado di coniugare l’arte con la filosofia, la letteratura, il cinema ma anche con le neuroscienze, la fisica, la matematica e di far vivere gli spazi della Fondazione come un luogo di aggregazione culturale e sociale.

La prima mostra presentata nell’ambito del progetto Smelting Works si propone di indagare e di cogliere le relazioni tra scultura e fotografia nell’ambito della produzione artistica contemporanea chiamando a dialogare Umberto Corni, fotografo e video artista con esperienze di lavoro a Berlino e Panama e Attilio Tono, scultore, oltre che docente dal 2004 di Tecnologie dei Materiali presso la NABA di Milano e dal 2006 di Tecniche della Scultura all’Accademia Aldo Galli -IED di Como, con studio a Milano e Berlino.

Il percorso espositivo mette a confronto le immagini delle architetture di Corni, rese particolarmente plastiche dalle scelte stilistiche e compositive – l’uso di un bianco e nero denso e materico, i coraggiosi tagli delle inquadrature, l’ interessante lavoro di postproduzione – con le sculture di marmo e cera di Tono, opere nelle quali la solidità della struttura e l’ apparente immobilità risultano compromesse dall’utilizzo di un materiale che, come la cera, subisce modificazioni legate alle condizioni climatiche dell’ambiente nel quale si viene a trovare e al trascorrere del tempo.

Umberto Corni, classe 1982, nasce in provincia di Novara. Inizia, fin dai primi anni del Liceo Artistico, ad avvicinarsi al mondo del cinema e dell’ arte prediligendo la fotografia e il video sperimentale. La sua esperienza comincia nel 2001, quando produce il suo primo video d’arte e partecipa a concorsi, esposizioni collettive, rassegne videogiovani, oltre ad essere presente ad importanti cinefestival. Nel 2004 si diploma presso il Liceo Artistico Statale di Busto Arsizio in provincia di Varese. Tra le sue esperienze lavorative, risulta: assistente fotografico, e montatore di cortometraggi oltre che collaboratore di alcuni artisti per la realizzazione di video d’arte e progetti multimediali. Nel 2006 frequenta il corso di Cinema e Televisione Nuovi Media con indirizzo Filmaker, presso il Politecnico di Milano per poi proseguire le sue esperienze nel campo del video e della fotografia trasferendosi prima a Berlino e successivamente a Panamà.
Nel 2013 vince il concorso “Profezie presenti” presso lo Spazio Oberdan di Milano nella sezione videoarte con il video Moto quasi perpetuo.
Attilio Tono (1976) diplomatosi in Scultura all’Accademia di Brera di Milano (1998), vive e lavora tra Milano e Berlino. Dal 2004 è docente di Tecnologie dei Materiali presso la NABA di Milano e dal 2006 di Tecniche della Scultura all’Accademia Aldo Galli -IED di Como. Le sue opere sono state presentate in mostre personali e collettive in diverse sedi nel mondo tra cui Seoul (Behive Gallery), Berlino (L’Espace de l’Especè), Locarno (Kunsthalle Ephemera), Belgrado (Museum of Contemporary Art), New York (Chelsea Art Museum) .

Informazioni

  • Dove: Fondazione Bandera
  • Indirizzo: Via Andrea Costa, 29, Busto Arsizio, 21052 VA, Italia