agim sulaj
Da giovedì 12 marzo 2015 a sabato 16 maggio 2015

La manipolazione ‘fiabesca’ del reale di Agim Sulaj

Quando la pittura di un artista contemporaneo parla da sola ed ha alle spalle un percorso espositivo ultraventennale, che negli ultimi anni è giunto a Parigi, Roma, Montecarlo, Oxford e Londra, è peccato scriverne troppo: deve valere soprattutto l’invito ad andare a vederlo. E’ il caso del maestro italo-albanese Agim Sulaj, che espone in personale fino al 16 maggio da Imago Art Gallery, in via Nassa 62 a Lugano (CH).

Sulaj è molto noto in Albania, dove è nato nel 1960, trascorrendo poi infanzia ed adolescenza nella città costiera di Valona. Per gli studi alti è successivamente tornato nella sua città natale, diplomandosi nel 1985 all’Accademia delle Arti di Tirana.

Si occupa sostanzialmente da sempre di umorismo satirico, ma è sopratutto ed indubitabilmente un maestro dell’olio su tela, come dimostrano i suoi lavori esposti a Lugano. A guardare le sue immagini, se uno non ha visto le tele, sembra di trovarsi di fronte a fotografie, ed infatti Sulaj è noto come pittore iperrealista. Siccome però la definizione non ci bastava gli abbiamo scritto a Rimini, dove vive dal 1993 assieme alla sua famiglia, proponendo per la sua pittura la definizione di “realismo del gioco e del simbolo”. Il gioco ed il simbolo sono infatti particolarmente evidenti in questa selezione di opere dedicate all’infanzia, ma anche al viaggio ed ai drammi dell’Adriatico.

A lui piace la definizione che abbiamo dato alla sua pittura anche se sottolinea che l’Iperrealismo dovrebbe essere proprio questo: non dunque una mera riproduzione della realtà, intesa come fotografia del reale, dell’istante, bensì nel caso di Sulaj una manipolazione ‘fiabesca’ del reale, fatta con la luce, con l’emotività delle situazioni e appunto, coi simboli. E’ una pittura la sua dove l’espressività è dominata, essendo la figura completamente nitida, rigida ed inamovibile nel suo istante, da una sovrabbondanza di dimensioni, proprio perché l’elemento simbolico (il mare, la valigia, il ramo, la colonna) e l’elemento giocoso (la palla, le scarpe, l’uccellino, il cane, lo sguardo divertito) si intrecciano a formare una poetica molto particolare e sono così taglienti da entrare a far parte della geometria medesima dell’immagine.

Il realismo di Sulaj è così evidente da apparire concepito per uscire dalla materia: le tre dimensioni dello spazio euclideo gli servono solo per fare il vuoto nella mente dell’osservatore. Sono un po’ come l’indispensabile ponteggio del quale l’edificio imbrigliato sembra non poter mai arrivare a liberarsi, fino a che non viene rimosso per lasciare spazio all’idea ed alla sua bellezza.

IMAGO Art Gallery
Via Nassa 62
Lugano – Switzerland
Tel. +41 (0) 919 214 354
info@imago-artgallery.com
Orari dal lunedì al venerdì 10.00 – 18.00
Sabato 10.00 – 17.00
Domenica su appuntamento

Informazioni