Ricerca

» Invia una lettera

25 aprile, il giorno dopo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

26 aprile 2011

 Accade che il giorno dopo il 25 Aprile appare su tutta la stampa locale una dichiarazione di Alessandro Petrone, capogruppo uscente del Popolo della Libertà gallaratese. Accade che questa dichiarazione ufficiale fa venire i brividi, un po’ di tristezza, e tanta rabbia. L’esponente del partito dell’amore non ha tardato a polemizzare, senza alcuna conoscenza dei fatti, come spesso gli succede, su una festa di popolo. Alessando Petrone, esponente di primo piano del Popolo della Libertà, dopo aver denominato su una bacheca pubblica di facebook la consigliera Cinzia Colombo “quell’essere”, dopo aver l’anno scorso proposto di sostituire Bella ciao con Il Piave confondendo la Resistenza con la Prima guerra mondiale, ad essa antecedente (lo spiego a Petrone perché credo che i lettori abbiano ben chiare le date), quest’anno si permette di dare della fascista all’oratrice ufficiale dell’Anpi al 25 Aprile.
Sono Ilaria Mascella e sono portavoce di Sinistra Ecologia Libertà a Gallarate, ma sono anche membro attivo della sezione ANPI di Gallarate. Naturalmente sono anche figlia di mio padre, per chi volesse porsi domande. Conosco le polemiche che seguiranno a questo mio triplice ruolo, “è una vergogna” urlerà qualcuno “che la stessa persona sia rimandabile ad un partito e ad un’associazione”. “E’ una vergogna” mi unisco al coro. È vergognoso che l’antifascismo sia un valore fondante solo e soprattutto per la sinistra (nel suo più ampio termine). È una vergogna che io debba sottostare a tali critiche perché faccio ciò che mi piace fare. Scindo molto bene i miei ruoli, e mai mi vedrete approfittare dell’uno o dell’altro. Detto questo voglio rispondere al signor Alessandro Petrone, e voglio rispondere a titolo personale, ma in relazione al mio duplice ruolo.
Come portavoce di Sinistra Ecologia Libertà mi domando, e domando ai cittadini tutti, quale amore può spingere il signor Alessandro Petrone ad utilizzare certi epiteti. Domando ai cittadini, se è il caso di votare per una persona che da capogruppo uscente in Consiglio Comunale del PDL, quando parla non sa nemmeno di chi parla. Gaia Angelo non è iscritta a Sinistra Ecologia Libertà, e non ricopre alcun ruolo all’interno del partito di cui posso essere orgogliosa portavoce. Tuttavia, ammetto che mi spiace che una ragazza così in gamba, capace di tanto equilibrio e di tanta passione non sia membro effettivo del partito che rappresento.

Come membro dell’Anpi voglio illustrare al signor Alessandro Petrone cosa sia quest’associazione e di cosa vive. L’Anpi vive di passione e di impegno politico (e non partitico, lo spiego a Petrone perché potrebbe non immaginarne la differenza). Passione ed impegno di molti militanti, partigiani di un tempo e partigiani di oggi. Alcuni dei partigiani di oggi hanno tra i 20 e i 30 anni, e ieri mattina si sono svegliati alle 6.30 per gonfiare i palloncini che danno colore a questa festa meravigliosa che è il 25 aprile. Lo facciamo per amore e passione, perché crediamo nell’antifascismo. Lo facciamo, non certo per una poltrona, e tantomeno per apparire sui giornali, visto che nulla (a ragione) ci è riconosciuto nominalmente. Invito il signor Alessandro Petrone, che in periodo di campagna elettorale ci tiene così tanto a questa Festa della Liberazione, ad iscriversi all’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, per dimostrare alla cittadinanza tutta che lui crede in questa che ha definito “festa di popolo” e che secondo lui noi rendiamo “comizio di partito”. Lo invito il 25 aprile prossimo a svegliarsi insieme a me e agli altri ragazzi alle 6.30 per gonfiare i palloncini. Non avrà però il suo nome stampato, né sulle automobili, né sui palloncini.
Ilaria Mascella
Antifascista di sinistra

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.