Ricerca

» Invia una lettera

A ottant’anni alla conquista di un quattromila in Mongolia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

16 settembre 2011

Trent’anni di spedizioni e divertimento in alta quota. Non sarebbe così particolare, come esperienza, se non fosse che il protagonista, l’appassionato d’alpinismo Lazzaro Mariani, ha 80 anni e hascoperto il piacere di stare tra le vette e le nevi solo all’età di 52 anni. «Sono appena tornato dalla Mongolia, nella regione dell’Altai, abbiamo scalato il Kuthen, un 4474, non altissimo: ma è una scalata divertente, con passaggi del 50% su ghiaccio». Il signor Mariani, samaratese, faceva parte di una spedizione capeggiata dalla guida Mario Castiglioni: «Tredici giorni di spedizione, eravamo in sei nel gruppo. Le temperature erano buone, 4-8 gradi sottozero, non sono certo estremi rispetto alle temperature Himalayane dove si arriva a -25». La difficoltà maggiore, forse, era nell’alimentazione: «Si mangia malissimo, alla kazaka, sono dimagrito 4 chili: zuppa con un po’ di verdure e fettine di carne quasi immangiabile, sia pranzo che a cena. L’ultima sera, al campo più alto, ce la siamo trovata anche senza sale».

Mariani ha una storia di alpinismo "recente" («Ho cominciato a 52 anni, prima lavoravo e basta e non avevo questa passione»), ma già ricca di successi: otto anni fa l’abbiamo incontrato quando era appena tornato dalla conquista dell’Aconcagua, 6862 metri nelle Ande, in Argentina. «Un 8000 oggi non lo farei, poche settimane non sono sufficienti ad acclimatarsi, manca il tempo. Ho detto che la smetto, ma mi hanno detto che l’anno prossimo dovremo fare un 6000, probabilmente in Bolivia. Se Dio lo vuole». Per ora si godrà l’autunno e l’inverno passato tra escursioni sulle nostre Alpi e incontri con i compagni di cordata: il 15 dicembre hanno in programma una serata tra amici e in parrocchia per presentare il loro viaggio.

Roberto Morandi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.