Ricerca

» Invia una lettera

A Pontida senza Alberto da Giussano

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

14 giugno 2011

Egregio Direttore,
mi riferisco alla domanda che un lettore di Varese News, Valentino il vecchio, (quanto vecchio !
) chiede cosa dirà Bossi domenica prossima a Pontida e ciò che dice una lettrice, Silvia Mangano,
la quale sempre su Varese News, con la lettera n.169 del 13/6 (che invito a leggere), fa una
lucida enumerazione ed una nutrita critica degli errori ed abusi commessi dalla Lega in venti
anni di attività politica. Non so e non immagino cosa dirà Bossi ed i suoi colonnelli, ma so cosa
dovrebbero dire:
– chiedere scusa agli italiani ed in particolare a chi ha avuto fiducia in loro e li ha votati, per le
offese, le volgarità, e le false promesse, per gli agi e privilegi che prima hanno denunciato e
poi hanno afferrato a piene mani;
– riconoscere che occorre presentare urgentemente delle proposte di legge riguardanti tra
l’altro problematiche che più volte hanno promesso: riforma elettorale, riduzione del numero
dei parlamentari, diminuzione e controllo della spesa pubblica in particolare nelle regioni
del Sud, riduzione del numero di auto blu ad un decimo di quello attuale, aumenti sensibili
e progressivi delle aliquote irpef per i redditi alti e super alti; portare le retribuzioni
pubbliche (dai parlamentai agli uscieri, dagli amministratori ai consulenti di enti pubblici e
società partecipate ecc.) ai livelli di un Paese Europeo con il P.I.L. pari a quello italiano;
– disporre lo smantellamento di tutti i cartelli stradali col toponimo dei Comuni in dialetto e
addebito dei costi di installazione e rimozione a carico dei Sindaci e Assessori che li fecero
istallare;
– smetterla di approfittare della credulità e qualche volta della ingenuità e dabbenaggine di
tanta brava gente nell’imbonirli con rituali pagani, feticci, miti, idoli, eroi inesistenti e falsità
storiche come l’ampolla e l’acqua sacra del Po, la rosa camuna, il sole delle alpi, e le camice
verdi. Un conto è ritenerli dei simboli e un conto è farne delle idolatrie;
– e per finire, smetterla di esaltare, magnificare e glorificare un eroe mai esistito, Alberto
da Giussano, e se qualcuno ha un dubbio vada a controllare sui libri di storia o su
Google. A tale proposito mi meraviglio delle persone colte, fior di professionisti, seguaci
del “carroccio” che, facendo finta di nulla e pur di conquistare posizioni di privilegio, hanno
appoggiato il “maestro” a predicare il “verbo” illusorio.
Egregi Comandanti della Lega ve la sentite di andare prima a Canossa… per poter, eventualmente,
continuare a governare ? Ricordate ciò che ha detto Maroni: occorre più coraggio che prudenza!
Auguro comunque a tutti, per domenica, una buona scampagnata a Pontida.

Martino Pirone

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.