Ricerca

» Invia una lettera

A Samarate è catastrofe annunciata

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

6 gennaio 2010

Strana situazione quella che caratterizza questa fase politica a Samarate.
In tutti i posti del mondo, quando un sindaco ha la possibilità di essere ricandidato, e non sussistano motivi di ostacolo al secondo mandato, quel sindaco viene riproposto in maniera automatica e, di solito, fa da traino alla coalizione che lo sostiene.
A Samarate no! Qui nonostante l’attuale Sindaco non si sia macchiato di alcun delitto ed anzi sia conosciuto ed apprezzato per la sua onestà e correttezza, nessuno, dico nessuno, ha voluto raccogliere la disponibilità manifestata ormai nel lontano mese di ottobre ad essere ricandidato per la coalizione di Centrosinistra attualmente al governo della città. Nessuno tranne noi del PdCI che però non siamo rappresentati nell’esecutivo.
E qui continuano le stranezze! Apprendiamo infatti dalla stampa che un po’ tutti quanti stanno imputando a Solanti di voler ostinatamente proseguire sulla strada del Centro Polifunzionale, opera sulla realizzazione della quale nessuno sembra essere d’accordo.
Strano; ci siamo sforzati ma onestamente non ci ricordiamo né di voti contrari dai banchi della maggioranza in Consiglio Comunale su questo punto , né di assessori che abbiano rimesso il mandato visto “ il profondo disaccordo”.
Perché anche questo è strano : tutti sono ancora al loro posto, gli Assessori in Giunta, i Consiglieri in Consiglio compresi quelli delegati, salvo poi rilasciare dichiarazioni alla stampa che definire ostili al Sindaco ed alla politica sin qui perseguita sarebbe un eufemismo.
Però c’è anche la storia della Fondazione Montevecchio: ancora più strano perché su questo punto un voto contrario in Consiglio c’è stato ma è arrivato dal consigliere Carlo Puricelli che come è noto è il nostro riferimento in CC.
Le stranezze non finiscono qui. Sappiamo che si è appena costituita una nuova lista, cattolica si dice, che avrebbe la fattiva benedizione nientemeno che dell’attuale vicesindaco e che non sembra orientata a schierarsi dalla parte dell’attuale Sindaco ma è fittamente composta da attuali consiglieri di maggioranza.
Neppure Sinistra per Samarate che esprime l’attuale assessore ai lavori pubblici e l’Italia dei Valori che esprime l’attuale consigliere delegato alla polizia Municipale sembrerebbero orientati ad appoggiare l’attuale Sindaco.
Resta il Partito Democratico che sembrerebbe orientato alla pratica delle “primarie di Coalizione” salvo incassare il no secco dal resto della coalizione.
Sappiamo che sono state condotte fitte discussioni bilaterali con quasi tutti i firmatari del programma del Sindaco per le elezioni del 2005 (tranne noi del PdCI) ed anche con altri soggetti (UDC); se ce ne fosse stata data la possibilità avremmo posto, a questi finissimi strateghi politici “de noaltri,” una questione che sintetizziamo così:
Il centro sinistra samaratese avrebbe possibilità di competere con le destre solo a patto di una grande unità tra le forze in campo, convergenti ad un candidato sindaco forte, unitario e soprattutto credibile (secondo noi Vittorio Solanti è l’unico al momento ad impersonare queste qualità)
Se il centro sinistra si dovesse presentare diviso andrebbe incontro ad una sonora e purtroppo inevitabile sconfitta
In questo caso, se Lega e PdL si presentassero anche loro divisi, non è fantascientifico ipotizzare che potrebbero essere proprio queste due forze ad andare all’eventuale ballottaggio; sarebbe filotto, maggioranza e minoranza del Consiglio Comunale in mano alla destra.
Purtroppo pare che il nostro parere non interessi un granchè ma la gente deve sapere che chi oggi sta inseguendo piccoli interessi di bottega si assume una grave responsabilità.
Speriamo almeno che, quando a costoro sarà presentato il “conto”, sia giustamente salato anche se non servirà per riparare ad una catastrofe annunciata.

Roberto Venturelli - Samarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.