Ricerca

» Invia una lettera

Addio Guido, storico pizzaiolo del Portichetto

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

28 settembre 2011

Caro direttore,
è una lettera triste che Le scrivo, per ricordare un uomo e un amico che ci ha lasciati oggi all’improvviso, senza nemmeno il tempo di salutare o di scambiare l’ultima battuta.
Non so proprio da che parte cominciare per raccontare i ricordi che si sovrappongono all’immagine di Guido Francese che impasta l’ennesima pizza o mentre si siede al tavolo a far due chiacchiere sul quel che passa.
Al Portichetto, da Guido e con Guido, è tutta Sesto che ha passato tanti momenti importanti della propria vita. Sesto che è città, oggi lo dobbiamo dire, non per i suoi monumenti, ma per le sue persone, nate a Sesto oppure arrivate qui da altri luoghi a portare lavoro, cultura e cordialità.
La sua Pizzeria si scrive con la maiuscola, e ne avrebbe di cose da raccontare!
Per quanto mi riguarda penso non dimenticherebbe le serate e le nottate con il Maggi e con i ragazzi del movimento studentesco, né la visita di Giorgio Napolitano o la cena con il Campione olimpionico Bonomi e tante altre occasioni di incontro attorno al piatto più buono del mondo.
Non è certo il caso di fare un elenco che non finirebbe mai e che tantissimi -sestesi e non- potrebbero arricchire di mille particolari.
Mi piace ricordare Guido su questa rubrica dove scrivo spesso di altre cose, soprattutto politiche, perché la politica, non come interesse di parte, ma come passione civile di ogni cittadino, con qualche ricordo personale molto speciale era spesso presente nei nostri discorsi, insieme alla nostra Sesto, al calcio e naturalmente …al Napoli.

Ma mi piace però ricordare alla fine l’amico pizzaiolo, il suo amore e la sua dedizione al mestiere che ha trasmesso ai figli e a tutta la sua grande famiglia. Se il cibo è anche, o soprattutto, cultura, possiamo ben dire che Guido ha donato qualcosa di prezioso a noi “polentoni” sestesi: forse è esagerato dire lui ci ha fatto scoprire la pizza, ma dire che ce l’ha fatta amare è certamente una verità.

Saluti cordiali

Roberto Caielli - Sesto Calende

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.