Ricerca

» Invia una lettera

Agnelli, capretti et similia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

5 aprile 2009

Egregio direttore, concordo pienamente con quanto afferma Antonio Di Biase, a prescindere dalle finalità recondite (sono un laico convinto). Non riesco invece ad esserlo con il lettore Ismaele, in quanto una parte di chi contesta quanto avviene dopo il Ramadan (ed io tra questi)lo fa semplicemente perchè spesse volte non vengono rispettate le più elementari norme-anche igieniche- attinenti la macellazione,ed uno stato che vuol dirsi serio se davvero vuol favorire l’integrazione (come auspico) deve fare in modo che 
determinate regole debbono valere per tutti,in caso contrario si favorisce l’aumento dei sospetti e delle recriminazioni verso chi pretende di far valere ovunque i propri usi.Per esemplificare io la grigliata me la permetto ora che vivo in una villettina,ma non l’ho 
mai fatta sul balcone quando vivevo in condominio, nè ho mai recriminato pensando fossero lesi dei diritti inesistenti. C’è ed è vero,anche chi soffia sul fuoco di queste polemiche per tutt’altri scopi,ma sono assolutamente convinto che tutto si ingigantisce proprio per l’assenza di chi dovrebbe stabilire norme di civile convivenza,posto che il buonsenso da solo non basta.
 
Pietro Mainini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.