Ricerca

» Invia una lettera

al mio omonimo RC e simili

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

17 giugno 2011

Egregio sig. Direttore,
 
vorrei rispondere al mio omonimo “rc”.
 
E’ ora di finirla di “marchiare” la Lega e i suoi simpatizzanti con il marchio di razzisti e xenofobi.
 
Le assicuro che conosco molti di sinistra o comunque non sostenitori della Lega che se dovessero scoprire che le loro figlie si “incontrano”, amoreggiano o si dovessero fidanzare con un extracomunitario…….apriti cielo!
 
Faccia anche lei un esame di coscienza, se ha una figlia, e dovesse tornare a casa dicendole di volere andare a vivere o di volersi sposare con un cittadino mussulmano o con un cittadino rom, cosa farebbe? Salti di gioia? Una festa?
 
Non prendiamoci in giro, la risposta a questa retorica domanda è uguale per la maggioranza dei cittadini italiani, non solo per quelli “marchiati” Lega.
 
Oltre che razzisti e xenofobi, ci considerate “rozzi”, “incivili”, “ignoranti”, “pantaloni”, “polentoni” e altro ancora, certo, non siamo “colti” come voi di sinistra, sa, la nostra gente è stata abituata a lavorare, con le braccia e anche con l’intelletto, siamo meno inclini a vivere di espedienti e di sussistenza, lo so, è un difetto inconcepibile per voi di sinistra, ma qualcuno in questo stato deve pur lavorare.
 
Mi sono sempre chiesto che cosa vi infastidisce di più della Lega.
 
E’ forse il fatto che con voi non si è mai alleata alle politiche?
 
O forse perché dopo averci corteggiati in tutti i modi (la Lega è una costola della sinistra) non abbiamo abboccato e abbiamo scelto l’altro?
 
O forse perché, noi con l’attuale presidente del consiglio, nel 2006 eravamo veramente riusciti a fare la riforma FEDERALE DELLO STATO, chiamata DEVOLUTION, avevamo per via costituzionale eliminato un sacco di deputati, il senato cambiava i suoi componenti e sparivano i senatori e altro ancora. Voi, elettori di sinistra con l’appoggio dell’on. Fini e partito, l’on. Casini e partito, avete fatto di tutto per bocciarla con un referendum. Il vostro partito ci aveva promesso che l’avrebbe rifatta subito, ma per subito cosa intendeva?
 
Posso capire che al sud e al centro Italia l’abbaino bocciata, gli toccava rimboccarsi le maniche e lavorare, ma qui, al nord, vi siete resi conto di che cosa avete bocciato? E l’avete fatto per “ORDINE DI PARTITO”, altro che per scelta ragionata e personale!
 
Poi avete il coraggio di chiamarci pecoroni!
 
Ne conosco molti, anzi troppi che votarono contro solo per fare un dispetto al presidente Berlusconi, altri perché il partito glielo disse.
 
Guardate ora, pochi mesi or sono i presidenti dei partiti di opposizione (uno risiede alla camera) dissero ai ministri della Lega “finché appoggerete Berlusconi il federalismo non passerà mai!”
 
Non vi rendete conto che questa riforma ci serve e non viene fatta passare solo per squallidi interessi di partito? Stanno giocando sulla nostra pelle, abbiamo già perso 5 anni (dal 2006 ad oggi) volete proprio andare avanti con il paraocchi a dire sempre si?
 
Nella prossima legislatura probabilmente lui non ci sarà più, e allora cosa avrete ottenuto per il paese? Un ritardo di altri 2 anni sulle riforme necessarie.
 
Questo gioco di bocciare tutte le leggi, direttamente o con l’aiuto di organi dello stato che dovrebbero essere supr partes, danneggia solo noi.
 
Andata a riascoltare le dichiarazioni dell’opposizione, i toni sono i seguenti:
 
questa legge servirebbe MA fatta così non va bene (ma non spiegano come cambiarla)
 
questa legge va bene MA non così
 
questa va bene MA la bocciamo poi la rifacciamo noi
 
E’ così che si lavora all’opposizione in Italia, io da ignorante leghista sono andato a vedere cosa succede all’estero, come da noi non ce ne sono.
 
Quando una legge serve si fa e basta a prescindere dal colore politico.
 
Informatevi e riflette se volete, oppure continuate ad insultare come al solito, vi viene bene.
 
Cordiali saluti
Roberto

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.