Ricerca

» Invia una lettera

Anas: “Lavori a Maccagno, l’Odissea sta per finire”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

1 agosto 2011

I disagi sulla statale 394 stanno per finire: la strada, che la gente del posto da decenni chiama "L’incompiuta" proprio per i continui lavori in corso, riaprirà al traffico il prossimo 5 agosto più larga di quella che oggi gli automobilisti percorrono. Anas, attraverso una nota del direttore delle relazioni esterne e rapporti istituzionali Giuseppe Scanni, spiega la situazione e puntualizza rispetto alle ultime polemiche sul prolungamento dei lavori tra Luino e Maccagno, rispondendo ad un lettore di VareseNews che aveva parlato di "Odissea" per attraversare il tratto interessato dal cantiere: «I problemi erano noti, così come le limitazioni e il prolungamento dei lavori - si legge nella nota -. Non si può mettere in discussione l’operosità del cantiere, dato che i turni di lavoro sono stati potenziati notevolmente. Per quanto riguarda il problema dello scorso giovedì, quando un Suv col rimorchio ha bloccato la circolazione, è stato un disagio provocato da un automobilista che non ha letto i cartelli e che è anche stato punito dalla Polizia di Luino».

Di seguito pubblichiamo la nota stampa inviata da Anas

Egr. Direttore,

in relazione alla lettera del Sig. Alessandro, pubblicata sulla testata on-line da lei diretta nella sezione “lettere al Direttore”, occorre effettuare una serie di precisazioni.
Innanzitutto va detto che il progetto esecutivo originario dei lavori di allargamento della strada statale 394 “del Verbano Orientale” – così come approvato nell’ambito della Conferenza dei Servizi – prevedeva la chiusura totale dell’arteria stradale per 90 giorni.
Al fine di assecondare le molteplici richieste pervenute dal territorio – anche in relazione alla concomitante interruzione della linea ferroviaria Zenna – Luino per lavori di manutenzione –, l’Anas e la Regione Lombardia, di concerto con gli Enti locali, hanno concordato l’esecuzione del’intervento di ampliamento della statale mediante l’istituzione di un senso unico alternato, regolamentato da impianto semaforico.
Era già noto all’epoca della scelta operativa che tale situazione, in virtù dei limitati spazi a disposizione del cantiere, avrebbe inevitabilmente prolungato i tempi di esecuzione.
Va aggiunto che, lungo il tratto di strada statale 394 attualmente interessato dal cantiere, compreso tra il km 39,350 ed il km 39,680 (nel territorio comunale di Maccagno) ove vige il senso unico alternato, vige altresì il divieto di transito agli autoarticolati e ai camion con rimorchio. Il conducente del Suv transitato lungo la statale nella giornata di giovedì scorso, come si evince tra l’altro perfettamente dalla lettera del lettore, ha violato le limitazioni in vigore, opportunamente evidenziate dalla segnaletica incorrendo, tra l’altro, in una sanzione da parte della Polizia Locale di Luino.
Per quanto attiene ai tempi di esecuzione dell’intervento, essi sono stati ampiamente resi noti mediante l’emanazione di specifico comunicato stampa da parte dall’Anas, lo scorso venerdì 29 luglio, nel quale l’azienda, pur rammaricandosi per i disagi subiti dagli utenti, informava che a causa di condizioni  meteorologiche sfavorevoli e di sopraggiunte difficoltà tecniche nell’esecuzione di alcune attività lavorative, la conclusione dei lavori sarebbe slittata di 5 giorni, dal 31 luglio al prossimo venerdì 5 agosto.
Infine, spiace constatare che venga messa in discussione l’operosità del cantiere in quanto – prendendo ad esempio l’ultimo weekend – i turni di lavoro sono stati per la giornata di venerdì 29 luglio dalle 7 alle 19, per la giornata di sabato 30 luglio dalle 7 alle 21 e per la giornata di domenica 31 luglio dalle 7 alle 16.
 
L’occasione è gradita per porgere distinti saluti.
Giuseppe Scanni - Direttore delle Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali dell’Anas

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.