Ricerca

» Invia una lettera

Arrivano i celti e Sesto chiude

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

17 settembre 2011

Caro direttore,
ieri mattina ero presente alla conferenza stampa per la presentazione di "Bustofolk", al quale parteciperanno la scuola dove insegno e numerose altre scuole di Busto. L’ormai famoso festival interceltico, che si svolge dal 18 al 25 settembre, è giunto alla sua 10°edizione; l’organizzazione è curata dall’accademia di danze Irlandesi GENS d’YS con il patrocinio della Città di Busto Arsizio, della Provincia di Varese, della Regione Lombardia, del Governo Italiano-Ministero della Gioventù. Il programma è ricchissimo di eventi: concerti, spettacoli, stage e laboratori, ma la novità di quest’anno è rappresentata dalle visite archeologiche guidate ai musei e ai luoghi della cultura celtica d’Insubria, Archeofolk, con la collaborazione del SiMarc, il sistema dei musei archeologici della Provincia. Un’occasione eccezionale per portare a conoscenza del grande pubblico, non solo italiano, il patrimonio archeologico della nostra zona. Un servizio navetta partirà dal Museo del Tessile a Busto Arsizio verso le aree archeologiche di Castel Seprio e del Monsorino ed i musei di Angera, Arsago Seprio e… Da cittadina sestese, con un certo orgoglio campanilistico, davo per scontato che non potesse mancare la visita al museo di Sesto Calende, il più significativo per quanto riguarda i reperti della cultura di Golasecca…Grande è stata la mia sorpresa nel sentire che non sarà possibile visitare il museo di Sesto in quanto proprio la prossima settimana inizieranno dei “lavori di ristrutturazione”! Delusione e rammarico per un’oppurtunità persa per la nostra “Sesto” di presentarsi al di fuori dei confini comunali come una cittadina vivace e interessante per la tradizione culturale. Un’ ultima riflessione: il prossimo week end, in concomitanza con il Bustofolk, ci saranno ( in tante città d’Italia e d’Europa) anche le Giornate Europee del Patrimonio…. ed il museo archeologico di Sesto rimarrà chiuso! Forse questa Sesto diventata città, avrebbe potuto rimandare l’inizio dei lavori di qualche giorno e, invece che chiudere il Museo, avrebbe potuto aprirsi ai turisti e alla cultura.

Daniela Grisoni - sestese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.