Ricerca

» Invia una lettera

Automobilisti e asfalto nemiche dei centauri

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

22 aprile 2009

 Egregio Direttore,

Vorrei rispondere alla lettera del sig. Cattorini. 
Mi chiamo Franco, 55 anni, motociclista da sempre, per scelta non ho l’auto, è facile fare di tutta un’erba un fascio, purtroppo gli imbecilli ci sono in tutte le categorie di guidatori, 
chi fa l’imbecille in moto rischia però la sua pelle e difficilmente quella degli altri( non mi sembra di aver mai sentito che un motociclista abbia ucciso altri utenti) mentre capita spesso che automobilisti " distratti " abbiano fatto carneficine, automobilisti ubriachi abbiano fatto stragi, certo chi guida un’auto si sente sicuro e quindi può benissimo chiacchierare al cellulare mentre guida, tanto è protetto dalla carrozzeria. Poi non dica che la strada non  c’entra nulla, quante volte pur andando a velocità codice un ‘auto o una moto debbono scartare improvvisamente per buche non segnalate, le strisce nere di gasolio perse da autocaravan o camion rendono l’asfalto come una saponetta, guard rail concepiti per trattenere un’auto che diventano delle ghigliottine se un motociclista scivola ( per colpa di una buca, gasolio, sabbia o per evitare l’imbecille di turno che al cellulare ondeggia con la macchina a destra e sinistra). Che poi alcuni motociclisti scambino la strada per una pista, purtroppo è assodato, ma le posso assicurare che a fronte di questi imbecilli, ci sono tanti altri motard che guidano con rispetto delle libertà altrui, logico di solito si nota subito che fa il cretino in moto o al volante perchè salta subito all’occhio.Spesse volte poi alla guida di scooter ci sono proprio gli automobilisti che senza nessuna esperienza di due ruote credono di  poter fare gli slalom fra le macchine e guidare come meglio credeono Visto che le condizioni delle infrastrutture purtroppo difficilmente miglioreranno visto i cronici deficit dei comuni, basterebbe un pò più di rispetto reciproco almeno per limitare i pericoli che ogni giorno si affrontano per andare al lavoro o ad una semplice passeggiata. 

PS le uniche due volte che mi sono fatto male e parecchio è stato : sabbia in curva ( frattura scomposta ed esposta tibia e perone) ed un pirata della strada che per evitarlo sono finito contro un guard rail (fratture a  4 costole, scapola, clavicola ed un buco nel polmone ) 

Franco Aresi - Sangiano - VA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.