Ricerca

» Invia una lettera

Bardello, “sulla viabilità ancora promesse disattese”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

24 settembre 2011

Buongiorno.
In relazione agli ultimi eventi e in particolare alla delibera di giunta del Comune di Bardello pubblicata sul sito del Comune in questa settimana, ci sentiamo di affermare che ancora una volta le promesse sono state disattese, gli impegni verbali sono passati sotto silenzio e i fatti mostrano la mancata volontà di accogliere non solo le istanze dei Cittadini, ma addirittura il dispositivo di un Tribunale Amministrativo Regionale.

Da una parte la giunta lascia intendere che l’attuazione della sentenza non è possibile per i costi di ripristino della viabilità precedente, come se il diritto alla salute dei Cittadini (che il TAR ha espressamente affermato essere violato dall’attuale viabilità) fosse questione ben meno importante di 12.000 euro; dall’altra, tuttavia, la medesima giunta propende per un ricorso in Consiglio di Stato contro il pronunciamento del TAR e sappiamo bene tutti che i costi di un ricorso del genere non sono proprio del tutto contenuti. Se manca il denaro nelle casse del Comune, dovrebbe mancare per ripristinare la viabilità precedente e anche per ricorrere al Consiglio di Stato, no? Forse che tentare di salvare la faccia dopo uno smacco come quello della sentenza del 27 luglio 2011 è più importante per i nostri amministratori della salute dei loro Cittadini?

Ovviamente, l’apertura al dialogo e al confronto messa in atto solo il 29 agosto 2011, dopo più di anno di nostre richieste insistenti, era frutto del clima di incertezza e prostrazione nel quale l’amministrazione comunale si è ritrovata dopo la pubblicazione della sentenza. Tale apertura al dialogo si è dimostrata di pura facciata, priva di sostanza, svuotata di ogni buona intenzione: altrimenti alle parole sarebbero seguiti i fatti, alla rassicurazione di tavoli di lavoro comunali e provinciali per esaminare alla nostra presenza ogni alternativa viabilistica sarebbero seguite le convocazioni alle riunioni, le riunioni stesse e le fasi di studio. Invece, la delibera di giunta di questa settimana afferma esattamente il contrario.

Che cosa faranno i Cittadini? Non resteranno con le mani in mano, questo è certo! Quando non puoi più dormire di notte, quando l’aria è irrespirabile, quando tremano le pareti e i vetri di casa tua, non puoi pensare di abituarti e non puoi nemmeno immaginare di far buon viso a cattivo gioco (come è già accaduto in passato nella storia di Bardello di fronte a scelte amministrative non condivise ma prive di danni alla salute e alla serenità dei Cittadini). Ci saranno molte iniziative nel breve e nel lungo periodo e si tornerà a parlare della questione di Bardello, come è giusto che sia, perché l’opinione pubblica deve conoscere come stanno le cose, deve sapere come viene ignorata la Legge e come vengono calpestati i diritti dei Cittadini.

Grazie per l’attenzione,

Comitato Spontaneo Permanente

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.