Ricerca

» Invia una lettera

Besnate: “AAA Postino volontario cercasi”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

14 aprile 2007

Egr. Direttore,

Le scrivo per sottoporre alla Sua cortese attenzione quanto accade al servizio delle Poste Italiane in Besnate.

Già da parecchio tempo, tutte le volte che mi capitava di frequentare il locale ufficio postale, udivo diverse lamentele dei miei concittadini a riguardo del mancato recapito della posta. Ora però da più di due settimane non ricevo alcuna lettera. Eppure sono sicuro che alcune lettere, non ancora ricevute, sono state sicuramente spedite. Tra la posta che sono in attesa di ricevere
posso elencare alcune fra le più importanti: esempio lo stipendio di mia moglie; l’estratto conto della mia carta di credito, che non avendolo ricevuto non ho potuto pagare, ma che l’istituto ha provveduto a sospendermi la carta
di credito e mi ha comunicato telefonicamente gli interessi di mora e di aver comunicato la mia insolvenza ad una non meglio identificata agenzia di recupero crediti. Mi sono rivolto quindi all’ufficio postale di Besnate,ove
un’impiegata, dopo mia insistenza, mi ha confessato che il problema è a loro noto e che la responsabilità è dell’ufficio di Gallarate a cui è stato trasferito
l’onere di distribuire la posta della zona di Besnate ove io abito. Contatto l’ufficio di Gallarate anch’essi hanno confermato l’esistenza del problema e mi hanno detto che sperano di risolverlo entro le prossime
due settimane. Per il momento si auspicano che la distribuzione della posta possa avvenire attraverso “postini volontari” di Gallarate che si rendano
disponibili ad effettuare il servizio a Besnate.
Non ho nessun commento da fare. Un mese senza la possibilità di ricevere la posta, i responsabili che sono a conoscenza del problema ma, che come unica soluzione si possono affidare solo al “volontariato” e tutto questo
che passa in silenzio e nell’indifferenza generale e con l’attitudine come se fosse un fatto normale, mi lascia davvero senza parole.
Penso che, probabilmente,la ristrutturazione delle Poste sia stata fatta da qualche grande manager, di quelli in voga in questi tempi, molto abile nel mondo virtuale dei fogli di “excel”, a far quadrare i bilanci, e che
preoccupato di tagliare i costi, ha suggerito di affidare a qualche agenzia, con personale a tempo determinato e a basso costo/scarsa professionalità, l’onere della distribuzione della posta; dimenticandosi però dell’effetto sul mondo reale. E’ però purtroppo fin troppo reale quali disagi e mancanza di rispetto sono sottoposti i
cittadini dalle Poste Italiane costreti a pagare un servizio che non hanno. Grazie per l’attenzione e …… forse il problema non è solo dell’ufficio
postale di Besnate

Marco Reboani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.