Ricerca

» Invia una lettera

Blog e internet, la mazzata di Prodi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

22 ottobre 2007

Forse non tutti sanno che il Governo Prodi ha da poco approvato un ddl che rischia di limitare fortemente l’utilizzo di blog e siti internet. Il disegno di legge è stato approvato in Consiglio dei ministri il 12 ottobre senza che nessun ministro si sia dissociato.
Due le conseguenze principali che il ddl Levi-Prodi avrebbe.
In primo luogo, l’obbligo per chi svolge su Internet ogni attività di «realizzazione e distribuzione di prodotti editoriali…anche in forma non imprenditoriale per finalità non lucrative» (ossia, per chiunque abbia un blog o un sito) di registrarlo al ROC, in uno speciale registro custodito dall’Autorità per le Comunicazioni; un adempimento burocratico fastidioso, anche in considerazione del fatto che, per il deposito di qualche certificato, è richiesto il pagamento del bollo.
In secondo luogo, la norma prevede che l’iscrizione «rileva anche ai fini dell’applicazione delle norme sui reati a mezzo stampa», con l’esigenza – come si osserva da più parti – che blog e siti dovranno avere un editore e un direttore responsabile che rispondano per gli eventuali reati commessi a mezzo stampa.
Si tratta dell’ennesima iniziativa di burocratizzazione e tassazione ai danni dei cittadini ed, in particolare, a danno dei più giovani, in quanto grandi fruitori della Rete.
Convinto che il Paese ha bisogno di meno lacci e lacciuoli e non di nuove iniziative illiberali come quest’ultima, il Coordinamento cittadino di Varese di Forza Italia Giovani sostiene la campagna di sottoscrizione di una petizione, volta a contrastare l’approvazione di questa vera e propria TASSA SU INTERNET.
La petizione può essere sottoscritta sul nostro blog: http://forzavarese.blogspot.com/

Fabio D'Aula - coordinatore Giovani Forza Italia Varese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.