Ricerca

» Invia una lettera

C’è chi ancora non si rassegna a veder nascere un nuovo partito

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

10 ottobre 2007

Egregio Direttore,
nel proseguimento della campagna contro il Partito Democratico (ma ne dovremo sentire da qui a domenica!) tocca adesso al signor Giovanni Basso che si è accorto (anche lui) che il meccanismo delle primarie non prevede le preferenze.
E’ una discussione in atto da più di tre mesi.
Molti hanno ritenuto sbagliato questo criterio (Letta, per esempio) mentre molti altri l’hanno ritenuto necessario per garantire l’assoluta parità di delegati fra uomini e donne (tutte le liste prevedono, per questo, l’alternanza fra una donna e un uomo in modo che gli eletti e le elette, alla fine, risultino in pari numero).
Il problema è stato comunque poi superato dall’aver deciso che, a differenza delle elezioni nazionali, in ciascun collegio per le primarie chiunque poteva presentare una lista raccogliendo solo 100 firme di elettori.
In questo modo, per esempio, 5 persone potevano presentarsi in una lista comune raccogliendo, ciascuno, solo 20 firme.
E’ del tutto chiaro che, con questo meccanismo, il problema delle preferenze viene automaticamente a cadere essendo possibile la presentazione di più liste contrapposte, anche se riferite allo stesso candidato a leader nazionale o regionale.
E’ quello che è avvenuto in centinaia di casi, e che è successo anche a Gallarate con due liste che sostengono lo stesso candidato alla segreteria regionale, Martina.
Nessun pericolo di confusione con il “porcellum” tanto caro alla Lega e a Forza Italia, quindi.
C’è solo la necessità di fare, ancora di più, una corretta informazione per dissipare un polverone mediatico che resterà purtroppo alto fino a domenica e che è alimentato da chi ancora non si rassegna a veder nascere una forza di centro-sinistra nuova, che finalmente unisce anzichè frazionare l’elettorato riformista.
Un sincero saluto
Roberto Macchi
Gallarate

Roberto Macchi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.