Ricerca

» Invia una lettera

Che fine ha fatto Gheddafi?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

23 agosto 2011

Egregio direttore,
una coalizione di media tempo fa intitolava i propri articoli all’incirca in questo modo “Bombe sulla folla, strage a Tripoli. Centinaia di vittime nei raid aerei sui manifestanti”. Chi di vuoi stia pensando che si alluda ai bombardamenti massicci della Nato visti in questi giorni su Tripoli, si sta sbagliando di brutto. Si tratta degli articoli – con il senno di poi rivelatisi completamente menzogneri – che accusano Gheddafi di usare l’aviazione per fare strage di civili.

Questa notizia è stata creata ad arte per avere in pretesto in modo da innescare tutto lo scenario bellico a cui abbiamo assistito, uno scenario in cui ai buoni è concesso persino di violare l’embargo per potare armi e munizioni, ai cattivi non viene concesso nemmeno di far giungere nella capitale le derrate alimentari per la popolazione che non sono sotto embargo.

A titolo esemplificativo si veda questo articolo che ora tutti noi sappiamo essere menzognero datato 21 marzo http://www3.lastampa.it/esteri/sezioni/articolo/lstp/389895/
Sulla base di certe falsità ha avuto inizio una guerra ed è stato spiccato un mandato di arresto per Gheddafi. Il problema ora è che tutti realmente sanno come sono andate le cose, e quindi nessun giudice del Tribunale Internazionale in un eventuale processo potrà mai emettere un verdetto scabrosamente contro Gheddafi, quando in realtà gli unici a massacrare civili e bombardare Tripoli sono stati quelli della Nato: Hanno accusato Gheddafi di fare una cosa che non l’ha fatto e poi la hanno fatta loro!
Tutto ciò fa presupporre che Gheddafi (non potendo essere processato per non mettere la Nato in una posizione scomoda), nel caso venisse catturato, verrà ammazzato direttamente sul posto in gran segreto senza comunicare nulla a nessuno, forse lo hanno già ucciso.

Il pericolo ora è che i media stiano già tentando di darlo per fuggito in qualche altro Paese che da qui a breve (come ci insegna la storia) verrà attaccato a pretesto, proprio per stanare Gheddafi (non importa se questi sia realmente esiliato lì oppure morto e sepolto da qualche parte: Sarà solo un pretesto).

Il prossimo della lista (dopo Iraq, Afganistan e Libia) sembra essere il Venezuela, gli indizi questa volta ci sono tutti, già i soliti media imbeccati dalla CIA si stanno muovendo in maniera strisciante per preparare il campo ad un nuovo conflitto: Non date esito a notizie che vedono Gheddafi rifugiato in Venezuela, lui combatterà nella sua terra fino all’ultimo per onorare i suoi avi.

Paolo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.