Ricerca

» Invia una lettera

Che ne è del libero arbitrio?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

28 novembre 2012

Caro Direttore,

Che ne è del libero arbitrio?
 
Pensate sia pura retorica questa? Ma no, non lo è!
Ciò che avete di fronte è solamente una delle tante domande che ci siamo posti oggi, Noi Studenti,
durante la Nostra Autogestione del Nostro Liceo.
Siamo stati infatti costretti a riunirci per cercare di rispondere alle domande che sono sorte
spontanee agli occhi dei più.
Che fine hanno fatto i buoni costumi e le nobili intenzioni che sono sempre stati alla base della
nostra Nazione e ci hanno guidato dal 1861 fino ad oggi? Sono improvvisamente spariti o sono, per caso, rimasti infangati sotto una coltre di sporchi interessi economici e privati?
 
Non v’è dubbio che le formulazioni inserite nella nuova legge di stabilità e nel DDL Aprea
porteranno ad un imminente ingresso dei privati nella Scuola Pubblica, all’esclusivo mantenimento
dei finanziamenti alla Privata ed ovviamente -perché oramai purtroppo questa parrebbe divenuta
una routine- ad una paradossale serie di tagli all’Istruzione.
Ma perché tutto questo? Si ritiene così avanzato ed efficace l’attuale sistema scolastico da potersi
permettere di risparmiare sull’istruzione pubblica?
Oppure semplicemente c’è bisogno di trovare consensi ed appoggi in vista delle prossime elezioni?
Non lo sappiamo.
 
Noi ci limitiamo solamente a subire e siamo costretti a vedere ridotti sempre di più i nostri diritti,
perchè l’ingresso dei privati nelle Nostre Scuole non solo rappresenterà la solita beffa a danno di un
sistema scolastico già in crisi, ma restringerà anche quella poca e misera libertà decisionale che ci
resta. Perché continuare a svilire in questo modo la scuola pubblica? Perché continuare a mettere in
secondo piano l’istruzione in questa Nazione? Siamo forse un capitolo a parte nel futuro del Nostro
Paese? Ovviamente no.
 
Noi da questi edifici del sapere, che per defizione dovrebbero essere luoghi di formazione, usciremo come la futura classe dirigente e lavorativa del Nostro Paese: dalla Scuola dovrebbe partire il rilancio della società e dell’economia!
Con ciò, ringranziando per l’attenzione, Le porgiamo i Nostri più cordiali saluti.
 
Gli studenti del Liceo Scientifico Statale G.B. Grassi di Saronno.
Gli studenti del Liceo Scientifico Statale G.B. Grassi di Saronno

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.