Ricerca

» Invia una lettera

Chi paga i debiti e chi guadagna

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

29 gennaio 2010

Egregio Direttore,
questo paese è pieno di contraddizioni, pieno di ipocrisia, ognuno si pregia di stare dalla parte giusta e dire le cose giuste.
Lo spunto è quello della notizia che la Fiat intende chiudere lo stabilimento di Termini Imerese e sono a rischio anche gli altri.
La Fiat da anni adotta il sistema “fino a che guadagno ingrasso, quando perdo, pagate voi italiani”.
Significa che la Fiat ha proposto un dividendo complessivo di 244 milioni di euro da spartire tra gli azionisti, dall’altra la chiusura dello stabilimento entro il 2012.
Ormai la Fiat è da considerare un marchio come tutti gli altri e il sistema degli incentivi statali ha fatto guadagnare solo le altre industrie straniere.
Posso anche sbagliare ma per me la produzione di automobili in Italia sarà del 10 per cento.
Se la quota della Fiat è del 30 i nostri connazionali acquistano per il 70 per cento prodotti esteri dando un bel calcio nel sedere alle maestranze e all’economia.
Comunque voglio segnalare che un mio amico aspetta un’auto del gruppo Fiat, la Ypsilon da più di due mesi e mezzo.
Ma la Fiat non ha messo in cassa integrazione le maestranze con motivazione di una contrazione della domanda?
Grazie per l’attenzione.

Felice Ferrazza - Gallarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.