Ricerca

» Invia una lettera

Come non nasce una farfalla

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

19 agosto 2011

Egregio direttore,

Scorrendo le immagini di una stupenda metamorfosi prese da internet ho cercato di spiegare ad un mio nipotino come nasce una farfalla. E mentre cercavo di rispondere ai mille “perchè” della innocenza infantile, non ho potuto evitare di parafrasare il mondo naturale con quello politico dei nostri giorni ricevendone impulsi, al limite del furore giacobino, per le ingiustizie ed ipocrisie che si accompagnano alle misure per affrontare la crisi economica. E allora le chiedo ospitalità per una sorte di apologo sulla nostra classe politica. Pur convinto che non è giusto sparare nel mucchio e che i politici non sono tutti uguali, noto che i migliori non decidono niente e si lasciano omologare.

COME (NON) NASCE UNA FARFALLA

(della serie: partiti e classe politica)

Le fasi attraverso le quali la farfalla (partiti politici) si sviluppa e si trasforma in insetto (deputati, senatori) vengono chiamate metamorfosi. La farfalla (partiti politici) depone le uova ( liste elettorali) e dopo una decina di giorni (campagna elettorale) nascono (sono eletti o, meglio dire, nominati) i bruchi (membri del parlamento). Il bruco (alla faccia del programma elettorale) è molto vorace ( vedi stipendi, liquidazioni, benefit di ogni tipo, vitalizi, ristoranti ed i mille prodotti della mangiatoia) e mangia ogni genere di foglie od ortaggi (molto affusolati i cetrioli riservati agli italiani) che trova (meglio dire coltiva da solo) sulla strada parlamentare, facendo gravi danni alle coltivazioni (nazione e cittadini). Il bruco si chiude poi in un involucro (la Casta) che lui stesso costruisce e prende il nome di crisalide (classe politica).

Ma a differenza della farfalla vera il bruco (membro del parlamento) non si trasforma. Rimane sempre bruco (anche dopo il mandato) e mangia, mangia, mangia sempre, anche quando striscia e si contorce invocando sacrifici per gli altri ma guardandosi bene dal mettere mano alla scure della sua consorteria. In natura dalla crisalide che si schiude nasce la farfalla, non è più vorace come il bruco e succhia il nettare dei fiori. Nel mondo politico, invece, è inutile attendersi una “metamorfosi”che non arriverà mai. Il bruco non saprà mai volare e noi, poveri sudditi, non saremo allietati dalle farfalle.

Giovanni Mele – Luino

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.