Ricerca

» Invia una lettera

Concussione o corruzione. No prescrizione!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

28 agosto 2011

Egregio sig. direttore,
prendo spunto dall’ultima lettera di Carlo Fassuni.
Il caso Penati e il PD.
Un silenzio assordante.
Dove sono finiti tutti quei “moralisti”, quelli “eticamente corretti”, quelli di “a destra sono corrotti e noi no”.
Appunto, dove sono finiti i vari “Italicus, Dotti, Roberta, Maria, Eros” ecc. ecc.
Li possiamo ancora trovare tra le lettere pubblicate, ma gli argomenti trattati sono altri.
Perché non parlate del caso Penati?
Vorrei ricordarvi che è stato uno dei fautori della campagna elettorale del sindaco di Milano, braccio destro di Bersani, vice-presidente della giunta Lombarda (del consiglio regionale ndr) ecc. ecc.
Perché non urlate la vostra indignazione per il trattamento di favore di che sta avendo questo esponente di spicco del PD?
Io sono indignato, avete sempre usato le vostre lettere come arma per colpire il centro destra, il vostro motto è sempre stato se uno del centro destra ruba, vuol dire che sono tutti dei ladri, corrotti e altro ancora.
Ora ne hanno presi con le mani nel sacco diversi esponenti del centro sinistra, non c’è solo il caso Penati, c’è il caso Parma, il caso Puglia e altri casi ancora, allora perché tacete?
Perché non siete indignati per il non arresto di Penati (bella idea depenalizzarlo da concussione a corruzione, così passa anche la prescrizione!) e per un altro caso, Prosperini è stato di nuovo arrestato?
Dov’è la vostra sete di giustizia?
Non vorrete dirci anche voi, come ha fatto un deputato PD, che la differenza tra destra e sinistra è che a destra rubano per arricchirsi mentre a sinistra lo fanno per il partito?
Non vorrete dirci che nel caso di Penati c’è la presunzione di innocenza, mentre per gli altri non l’avete mai presa in considerazione?
Io, sono indignato anche per un altro motivo, finalmente, dopo molti anni, si è vista un indagine svolta in modo “legale”, nessuna fuga di notizie (sui giornali), nessuna intercettazione “sfuggita” e diventata di dominio pubblico, mentre per tutti gli altri casi, abbiamo scoperto le indagini in corso leggendo i giornali.
Spero che da ora in poi tutte le indagini saranno svolte in questo modo, altrimenti avrebbero ragione i maligni che dicono che tutto si è svolto per evitare uno “sputt…” durante la campagna elettorale a Milano, il danno di immagine sarebbe stato notevole, non potete negare che un simile scandalo (a quanto sta trapelando, soldi e sex) in piena campagna elettorale vi avrebbe danneggiato.
Sempre i maligni chiedono:
Se l’indagato fosse stato dell’entourage della Moratti, ci sarebbe stato lo stesso trattamento?
Dov’è finita la vostra superiorità etica e morale?
Io lo so, era una immensa PANZANA, avete avuto la fortuna che nessuno vi controllasse adeguatamente, il vostro motto è sempre stato “il compagno che ruba è solo un compagno che sbaglia, non è il sistema partito che è corrotto”, mentre per gli avversari, per voi è vero l’opposto!
Ora che il “muro” è caduto, questa vostra PANZANA sulla vostra presunta superiorità, evitatecela ora e in futuro.
Su una cosa sono pienamente d’accordo con voi, la giustizia deve essere uguale per tutti, anche per voi.
Cordiali saluti
Roberto C.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.