Ricerca

» Invia una lettera

Consigli di amministrazione di Sea e del CUV, come leggerli

Malpensa Generiche
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

20 marzo 2018

Egregi Signori,
non possiamo non essere risentiti per il mancato coinvolgimento della nostra Associazione, come del comitato in appresso citato, nelle attività che state realizzando e in quelle che state ipotizzando. La nostra è una Associazione che tutela interessi diffusi che non possono non essere tenuti in conto da voi. Siamo, come Associazione, iscritti da anni nel registro provinciale delle associazioni di volontariato e abbiamo mandato già più di una lettera a Sea. In appresso, si può trovare l’articolo che obbliga il coinvolgimento delle associazioni che si occupano della tutela del territorio. Il dovere di coinvolgimento discende poi dal Testo unico dell’ambiente, primi tre articoli commi compresi.

Non comprendiamo, vigente il quadro normativo illustrato, questo atteggiamento di poca
apertura verso il terzo settore. Anche la lettera che ha inviato il Comitato “Difendere Somma”, non può non essere tenuta in estrema considerazione: esprime bisogni propri del territorio che vanno soddisfatti. Ci chiediamo: conoscete la convenzione di Aarhus e la conseguente legge di ratifica ed esecuzione numero 108 del 16 marzo 2001? Abbiamo ragione di ritenere che ciò non sia. Ci possiamo trovare tutti e, comunemente, sciogliere il bandolo della matassa?

Le Associazioni interessate (e i cittadini interessati) non potrebbero essere degli uditori delle riunioni del consiglio di amministrazione di Sea e uditori delle riunioni dei sindaci del CUV? Questa è la proposta che facciamo e che poniamo alla vostra attenzione. La convenzione che abbiamo appena citato così, tra l’altro, statuisce:

Articolo 6

Partecipazione del pubblico alle decisioni relative ad attività specifiche

1. a) applica le disposizioni del presente articolo alle decisioni relative all’autorizzazione
delle attività elencate nell’allegato I; )
b) in conformità del proprio diritto nazionale, applica inoltre le disposizioni del presente articolo alle decisioni relative ad attività non elencate nell’allegato I che possano avere effetti significativi sull’ambiente. A tal fine le Parti stabiliscono se l’attività proposta è soggetta a tali disposizioni;
c) può decidere caso per caso, ove previsto dal diritto nazionale, di non applicare le disposizioni del presente articolo ad attività proposte per scopi di difesa nazionale, qualora ritenga che la loro applicazione possa pregiudicare il conseguimento di tali scopi.

2. a) l’attività proposta e la richiesta su cui sarà presa una decisione;
b) la natura delle eventuali decisioni o il progetto di decisione;
c) l’autorità pubblica responsabile dell’adozione della decisione;
d) la procedura prevista, ivi compresi (nella misura in cui tali informazioni possano essere fornite):
i) la data di inizio della procedura;
ii) le possibilità di partecipazione offerte al pubblico;
iii) la data e il luogo delle audizioni pubbliche eventualmente previste;
iv) l’indicazione dell’autorità pubblica cui è possibile rivolgersi per ottenere le pertinenti informazioni e presso la quale tali informazioni sono state depositate per consentirne l’esame da parte del pubblico;
v) l’indicazione dell’autorità pubblica o di qualsiasi altro organo ufficiale cui possono essere rivolte osservazioni e quesiti nonché i termini per la loro presentazione;
vi) l’indicazione delle informazioni ambientali disponibili sull’attività proposta;
e) l’assoggettamento dell’attività in questione ad una procedura di valutazione dell’impatto ambientale a livello nazionale o transfrontaliero.

3. Per le varie fasi della procedura di partecipazione del pubblico sono fissati termini ragionevoli, in modo da prevedere un margine di tempo sufficiente per informare il pubblico ai sensi del paragrafo 2 e consentirgli di prepararsi e di partecipare effettivamente al processo decisionale in materia ambientale.
4. Ciascuna Parte provvede affinché la partecipazione del pubblico avvenga in una fase iniziale, quando tutte le alternative sono ancora praticabili e tale partecipazione può avere un’influenza effettiva.
5. Ove opportuno, ciascuna Parte incoraggia i potenziali richiedenti ad individuare il pubblico interessato, ad avviare discussioni e a fornire informazioni sugli obiettivi della richiesta prima di presentare la domanda di autorizzazione.
6. a) la descrizione del sito e delle caratteristiche tecniche e fisiche dell’attività proposta, compresa una stima dei residui e delle emissioni previste;
b) la descrizione degli effetti significativi sull’ambiente dell’attività proposta;
c) la descrizione delle misure previste per prevenire e/o ridurre tali effetti, comprese le
emissioni;
d) una sintesi non tecnica di quanto precede;
e) una descrizione sommaria delle principali alternative prese in considerazione dal
richiedente;
f) in conformità della legislazione nazionale, i principali rapporti e pareri pervenuti
all’autorità pubblica nella fase di informazione del pubblico interessato ai sensi del
paragrafo 2.
7. Le procedure di partecipazione devono consentire al pubblico di presentare per iscritto o, a seconda dei casi, in occasione di audizioni o indagini pubbliche in presenza del richiedente, eventuali osservazioni, informazioni, analisi o pareri da esso ritenuti rilevanti ai fini dell’attività proposta.
8. Ciascuna Parte provvede affinché, al momento dell’adozione della decisione, si tenga adeguatamente conto dei risultati della partecipazione del pubblico.
9.Ciascuna Parte provvede affinché il pubblico sia prontamente informato della decisione adottata dalla pubblica autorità, secondo le opportune procedure. Ciascuna Parte rende accessibile al pubblico il testo della decisione, nonché i motivi e le considerazioni su cui essa si fonda.
10. Ciascuna Parte provvede affinché, nei casi in cui un’autorità pubblica proceda al riesame o all’adeguamento delle condizioni di esercizio di una delle attività di cui al paragrafo 1, si applichino mutatis mutandis e ove opportuno le disposizioni dei paragrafi da 2 a 9 del presente articolo.
11. Nel quadro del proprio diritto nazionale e nella misura in cui ciò sia possibile e opportuno, ciascuna Parte applica le disposizioni del presente articolo alle decisioni riguardanti l’autorizzazione all’emissione deliberata nell’ambiente di organismi genericamente modificati.

Articolo 7

Partecipazione del pubblico a piani, programmi e politiche in materia ambientale

Ciascuna Parte stabilisce le disposizioni pratiche e/o le altre disposizioni atte a consentire al pubblico di partecipare all’elaborazione di piani e programmi in materia ambientale in un quadro trasparente ed equo, dopo avergli fornito le informazioni necessarie. A tal fine si applicano i paragrafi 3, 4 ed 8 dell’articolo 6. L’autorità pubblica competente individua il pubblico ammesso a partecipare, tenendo conto degli obiettivi della presente convenzione. Nella misura opportuna, ciascuna Parte si adopera per
consentire al pubblico di partecipare all’elaborazione delle politiche in materia ambientale. Sembra impossibile ma è vero!

Riteniamo molto importante che voi amministrando teniate in massimo conto il dibattito riguardo la giustizia amministrativa nonché le decisioni legislative e giudiziali della comunità europea sul modo di governare e di curare gli interessi pubblici. Il riferimento è, innanzitutto, al principio di sussidiarietà, che nella sua dimensione orizzontale, va a ridisegnare i rapporti tra poteri pubblici e privati cittadini, singoli o associati, valorizzando fortemente la loro partecipazione alla gestione della cosa pubblica,
nell’intento di realizzare una maggiore efficienza nell’erogazione di servizi e nell’assolvimento di funzioni, tradizionalmente, spettanti alla pubblica amministrazione. Introdotto ufficialmente nel testo della Costituzione italiana con legge costituzionale 3 del 2001, esso attribuisce al privato una valenza ed una potenzialità considerevoli nel perseguimento di finalità pubbliche. Viene, così, determinata una sorta di integrazione funzionale con le strutture pubbliche e viene impressa una forte accelerazione a quel processo di rinnovamento, iniziato negli anni novanta e volto a ridimensionare le distanze tra cittadini ed istituzioni, per consentire la loro immedesimazione nella funzione amministrativa.

Nel ruolo di “complici” e non più di soli “destinatari” dell’azione amministrativa, i cittadini esprimono le esigenze avvertite dalla collettività in un dato momento storico- politico. Vengono offerti elementi utili per la predisposizione di interventi adeguati e proporzionati all’entità degli interessi della collettività, sui cambiamenti che, negli ultimi anni, stanno coinvolgendo il nostro ordinamento, incidendo, in maniera significativa, sul modo di “amministrare” e di curare gli interessi pubblici. Riteniamo che sia proprio fondamentale la partecipazione delle associazioni ambientaliste come dei cittadini interessati e che la politica come Sea (che persegue un interesse a favore della collettività), non si chiudano in se stesse, lasciando che si sopisca il dibattito ambientale. Così scegliete autonomamente che cosa i cittadini debbano tollerare. Questo non è tollerabile! Proprio facciamo fatica a comprendere, lo ribadiamo, le ragioni di chiusura dei Sindaci dei comuni del Cuv e di un’amministrazione che governa un aeroporto pubblico. Occorreva anni fa, infatti, e occorre secondo noi ora, che prima di tutto si discuta dell’inserimento di Malpensa nel territorio varesino. Non vogliamo non godere di Malpensa e combatterla, perché calata dall’alto. Desideriamo, invece, che sia governata sostenibilmente e che, allo stesso modo, venga finalmente pianificato il suo inserimento nel territorio. Allo sviluppo non deve rinunciarsi, ma questo deve essere fatto nel rispetto di coloro che abitano il territorio varesino. In attesa di un cortese riscontro, porgiamo cordiali saluti.
Il presidente
Arturo Bortoluzzi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.