Ricerca

» Invia una lettera

Contributo di solidarietà agli ex evasori o sempre ai poveri noti?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

27 agosto 2011

Egregio Direttore,
vorrei se possibile aiutare l’anonimo estensore della “lettera firmata n. 328” a proposito della RICETTA DEL PD. Non è vero che sia impossibile richiedere un ulteriore contributo ai possessori di capitali rientrati dalla Svizzera e tassati soltanto al 5%. Sì, rientrati in forma anonima, ma gli intermediari del rientro, banche e finanziarie, conoscono benissimo chi ha fatto le operazioni di rientro. Sono gli intermediari che, tassati, potranno poi rivalersi sui loro clienti NOTI. Aggiungiamo poi che buona parte di tali capitali, pur denuciati e graziosamente tassati, non sono di fatto rientrati ma sono rimasti investiti all’estero. Ragione per cui anche la buona intenzioni governativa di riavere in Italia capitali investibili nel sistema economico del nostro Paese è in gran parte fallita. Se l’anonimo vuole maggiori informazioni potrà sapere che anche la Germania e la Francia hanno fatto un’operazione incentivante il rientro di capitali dai cosiddetti paradisi fiscali e li hanno tassati al 34% ed al 25%. NON al 5 % come da noi. Non pare quindi il caso anche all’Anonimo che è meglio chiedere un contributo di solidarietà a quegli ex evasori e non gravare sempre sui poveri NOTI?

A.VAGHI

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.