Ricerca

» Invia una lettera

Craxi, momenti di storia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

6 gennaio 2010

Caro Direttore,

Non è nata ieri, non è vissuta sulla luna, per non sapere la vera storia di Craxi.
Invece la signora Moratti, sindaco di Milano, finge di ignorarla dicendo che l’uomo è stato un grande innovatore della politica e proponendo di dedicargli, nell’anniversario della scomparsa, almeno un angolo della toponomastica cittadina.
Quale spiegazione possono avere tanto empito e zelo, con il loro carico di inganno e mistificazione? La ragione non può che trovarsi nel desiderio della Moratti di allinearsi ai sentimenti del Cavaliere e assolvere appieno ai compiti che le derivano dall’aver sottoscritto la prima tessera del nuovo partito dell’amore.
D’altronde, è lo stesso Corriere della Sera, che pure ha raccolto e pubblicato le dichiarazioni della Moratti, a premurarsi, tramite ripetuti interventi e articoli, nel ricostruire in modo documentato alcuni dei passaggi più bui e scabrosi della vicenda politica di Craxi.
Dalle corruzioni alle tangenti che via via gli elargirono i vari Ligresti, Berlusconi, Enimont, Enel, Calvi del Banco Ambrosiano, . . . miliardi che il cassiere dell’allora partito socialista portava negli uffici di Craxi a Milano in piazza Duomo dove depositava la borsa che la segretaria personale immediatamente ritirava.
Dalle condanne subite, alcune in via definitiva, alla decisione di rifugiarsi ad Hammamet dove la condizione giuridica che caratterizzava Craxi non era di esiliato, status non contemplato da nessuna legge, ma di latitante, status previsto dal Codice Penale e dichiarato dal Tribunale quando l’imputato si sottrae a un atto della Giustizia.

Cordiali saluti

Maria Pellegatta

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.