Ricerca

» Invia una lettera

Da 60 a 100 all’ora

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

24 aprile 2007

Io sono un automobilista, faccio 50 mila km all’anno per lavoro. Inutile dire che di incidenti ne ho visti tanti e so come va il traffico. Chi ha la moto lo fa per sete di libertà e tutto quello che ci va dietro, ovvero sfogarsi con l’acceleratore. Non ho mai conosciuto NESSUN ( e neanche mai visto , perche’ dalle moto sono stato sempre superato e già io in auto non sono una lumaca ) motociclista che rispettasse i limiti di velocità. La moto, fin dalle cilindrate minori, possiede un’accelerazione bruciante che in pochissimi secondi può portare a velocità vicine ai 100 km/h che se per un automobile sono già preoccupanti in caso di incidente, per una moto sono devastanti. Ricordiamo che la moto non ha ne AIRBAG, ne ESP, ne ABS e neanche uno straccio di lamiera che protegga il corpo. La viabilità ordinaria è stata costruita per viaggiare nei limiti di velocità, non si può incolpare un comune se una rotonda è stata costruita male o se un’incrocio è pericoloso se lo si percorre al DOPPIO della velocità consentita…..in quasi tutti gli incidenti di moto che ho visto o di cui ho sentito la dinamica, la moto ha sempre torto per via della velocità. E’ facile incolpare un automobilista di non aver rispettato lo stop,se la moto arrivava a 120 km/orari. Oppure di non guardare negli specchietti prima di svoltare, se c’e’ riga continua…..insomma la distrazione c’è degli automobilisti ed è evidente, se poi i limiti non vengono rispettati e si sorpassa dove e come si vuole…..la strada non è una pista !
provate ad andare a farvi un giro sui laghi….la domenica. Poi mi raccontate quante moto sorpassano solo dove NON c’e’ linea continua e rispettano la velocità del traffico ( che a volte è più importante del limite imposto ).
Guardate dove succedono gli incidenti, quasi tutti in prossimità di centri abitati. Vi pare che se una moto andasse a 60 km orari , considerata anche l’agilità e la prontessa di riflessi dell’eventuale pilota, generalmente maggiore di un automobilista medio, si può ridurre come si vede dalle foto ?
Mi spiace per i motociclisti ma non è così, dai 60 km/orari ai 100 per una moto di media/grossa cilindrata passano 2 o 3 secondi….e sono quelli che fanno la differenza.

Leonardo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.