Ricerca

» Invia una lettera

Dall’Islanda potrebbe venire la ricetta per salvarci dalla crisi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

18 agosto 2011

Il centrodestra, con Pdl e Lega Nord a capo, dopo aver saccheggiato, umiliato, declassato e annientato ora guardano le rovine e non sanno più che fare per poter mantenere i loro privilegi senza dover rinunciare ai guadagni. Privi di alcuna decenza insistono nella loro avidità e ingiustizia.
Sorge spontanea la domanda: “ perché non li cacciamo?” La risposta è che in una democrazia delegata, come la nostra, sarebbe un dovere dell’opposizione lavorare in questo senso ma, come tutti sanno, ci sono più “opposizioni” ma non c’è un’unica Opposizione capace di farsi valere.
Per la Manovra che andrà in commissione il 22 agosto e all’esame dell’aula il 5/6 settembre 2011 (bontà loro), molto probabilmente, non ci si presenterà con un’unica proposta condivisa dell’Opposizione ma ci saranno più proposte e questo indica una cosa sola: l’Alternativa è ancora molto lontana e molto improbabile.
Oggi siamo in balia delle lobby e del potentato economico delle banche che permettono l’arricchimento degli speculatori sulla pelle degli onesti. Si susseguono annunci di vertici che dovrebbero cambiare le situazioni con svolte eclatanti da cui, in realtà, si evidenzia sempre la stessa verità a pagare saranno sempre i soliti garantendo la stabilità dei privilegi e l’impunità degli evasori.
Il Presidente del Consiglio svende la sua capacità di statista agli ingenui che ancora ci credono; il Ministro delle Finanze, con la Finanziaria, rivela la sua incapacità per poter gestire una crisi vera; Il Ministro delle Riforme per il Federalismo, volendo far credere di avere ancora voce in capitolo, inveisce sui suoi alleati, come accaduto con il Ministro della Pubblica Amministrazione che, molto probabilmente, non sa dove ha riposto la sua dignità; i Senatori, molto preoccupati della crisi, si fanno vedere in 11 su 315 per la presentazione del ddl di conversione del decreto sulla manovra economica. Questi sono solo alcuni esempi di una Dirigenza politica che può esistere solo ed esclusivamente perché non c’è l’ Alternanza. In una situazione di questo tipo forse la ricetta per una soluzione dei nostri problemi la potremmo prendere dall’Islanda dove i cittadini onesti hanno mandato a casa chi li governava, hanno riscritto le regole democratiche e hanno sottratto il loro paese dallo strapotere dei banchieri internazionali impegnandosi, tutti, in prima persona per la salvezza della loro Nazione.
Cancellare il passato e costruire il futuro è quanto dobbiamo fare e lo dobbiamo fare con il senso di responsabilità e l’orgoglio che ci hanno sempre contraddistinto nei momenti di maggiore difficoltà.

Alessandro Milani, Referente città di Varese "Italia dei Valori-Lista Di Pietro" Alessandro Milani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.