Ricerca

» Invia una lettera

Dall’ospedale dovrebbe venire l’esempio “ecologista”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

29 aprile 2009

Riguardo all’articolo "il sismografo dell’Ospedale di Circolo", vi si fa cenno anche alla gestione dei rifiuti.
Personalmente nel dicembre ’08 ho inviato una segnalazione all’ Azienda, a cui mi è stato risposto il 16 dicembre ’08 dicendomi che sarei stato convocato dalla Direzione Medica o dalla Direzione Sanitaria, ma finora, nonostante successive mie richieste, non sono stato ancora convocato.
Non sono un esperto in materia, sono però sensibile, come tanti altri cittadini e lavoratori dell’Azienda, alle problematiche ambientali.
Il problema della gestione dei rifiuti in ospedale comincia dalla loro produzione.
Vari fattori partecipano alla spesso scorretta produzione e gestione dei rifiuti, e la questione va affrontata con pazienza, gradualmente, ma con determinazione, e con i vari attori interessati.
Nelle aziende pubbliche sembra che non si possa mai cambiare niente dal basso, ma solo con "ordini dall’alto".
La questione dall’ambiente puo invece essere affrontata in modo collaborativo, così come vengono affrontati problemi specifici che riguardano l’attività lavorativa, magari "legando" un progetto a degli incentivi per i lavoratori (che è anche un modo per dire che "rispettare l’ambiente conviene") e a degli obbiettivi, e quindi anche con il coinvolgimento delle parti sindacali.
Le aziende pubbliche dovrebbero avere il dovere morale di essere in prima linea, creando le condizioni perchè si possa operare in modo da evitare gli sprechi, o almeno adempiere alle norme legislative esistenti (solo per fare alcuni esempi, quella che obbliga le amministrazioni pubbliche ad usare il 30% di carta riciclata, o quella ch indica il rispetto di criteri di ecocompatibilità per l’acquisto di materiali e quindi l’inclusione di questi criteri nelle gare d’appalto per l’acquisto di materiali).
Quello che le Aziende pubbliche non riescono ancora a recepire è che veramente il rispetto dall’ambiente conviene, anche alla salute pubblica, e quindi, riferendomi all’Azienda ospedaliera, chi più di una azienda che si occupa di salute deve stare in prima linea!
Un ospedale è di per sè una struttura "energivora" e ai pazienti ed utenti non si deve far mancare niente del necessario ad affrontare i loro bisogni.
Ma chi l’ha detto che questo debba essere incompatibile con un maggior rispetto delle risorse ambientali (e, in prospettiva, anche con il risparmio economico, che è uno degli obbiettivi delle amministrazioni pubbliche)?
Alberto Galli, Infermiere Professionale dell'Azienda Ospedale di Circolo di Varese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.