Ricerca

» Invia una lettera

Damiani: “Non volevo generalizzare”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

27 settembre 2011

Gentile direttore,
consapevole che Malnate non sia una città ghettizzata e popolata da criminalità e malavita, mi spiace che la mia lettera con riferimento la sicurezza cittadina sia stata mal interpretata da molti ragazzi che dai social network hanno espresso il loro malcontento siccome si sono sentiti paragonati a delinquenti, non era mia intenzione quella di generalizzare o sfruttare un triste fatto, che non è nuovo e probabilmente non sarà neanche ultimo, ma piuttosto portare l’attenzione con un esempio oggettivo a un argomento che riteniamo fondamentale: la sicurezza, che non riguarda esclusivamente gli episodi di cui si è già ampiamente parlato, che in ogni caso non si possono giustificare e vanno limitati all’interesse dei ragazzi ancor più giovani, ma un ambito che passa anche da quelle piccole attenzioni che troppo spesso sembrano passare in secondo piano come la cura dell’ordine pubblico o la prevenzione di atti vandalici, che proprio ultimamente hanno macchiato la nostra amata chiesa di San Matteo che oltre ad essere luogo sacro è un monumento di elevata fattura, un vanto indiscusso per la nostra città.
Mi rendo conto che da parte mia c’è stato l’errore di dar per scontato che tutti i lettori fossero esperti del mondo politico, non considerando coloro che si possono definire estranei o esordienti come i giovani, non abituati a interpretare il tono sarcastico di denuncia per intenderci quello utilizzato anche dalle trasmissioni televisive “Le Iene” o “Striscia la Notizia” oltre che in politica. Mi scuso del fraintendimento dovuto forse dalla volontà di esprimere il messaggio con determinazione per ricevere maggiori attenzioni da parte dell’amministrazione, in questo caso ho sbagliato a eccedere troppo con le provocazioni.
Questa mia risposta non significa nascondere le mani dopo aver lanciato il sasso, poiché in tal caso mi converrebbe aspettare che il tempo cancelli le mie inesattezze senza dir nient’altro. Diversamente voglio rispondere ammettendo l’errore. Sono giovane anch’io, talvolta un po’ inesperto. Ogni esperienza, soprattutto quelle spiacevoli come questa, contribuisce a formarmi una personalità che punti sempre a migliorarmi per il futuro.
Vorrei rimediare e dimostrare subito le buone intenzioni che hanno sempre contraddistinto ogni mia azione proponendomi a tutti i ragazzi come “voce” ai problemi più comuni che possono essere la disoccupazione giovanile o il desiderio di abitare in una Malnate sempre più ricca di eventi, penso ad esempio ai tornei, le feste o le manifestazioni che avevo organizzato lo scorso anno perché amo Malnate e che con molto rammarico non si sono potute replicare. Considerando che il nostro modo di essere è molto più comunicativo che qualsiasi parola desidero quindi aprire un confronto anche con coloro che in questa faccenda si sono sentiti attaccati e hanno orgogliosamente difeso Malnate, spero a questo punto che smentiscano e dimostrino con totale determinazione e dedizione l’interpretazione attribuitagli dal mio articolo, impegnandosi in prima persona a migliorare Malnate con lo stesso orgoglio di come l’hanno difesa.

Marco Damiani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.