Ricerca

» Invia una lettera

Diritti dell’uomo, non siamo riusciti a mantenere gli impegni

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

10 agosto 2011

Egregio Direttore,
con riferimento alla lettera di Don Ernesto Mandelli della rubrica “A MARGINE”, rileggendo la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo ho trovato nelle poche, semplici e geniali parole della prima parte dell’art. 1 (“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali in dignità e diritti ”) la soluzione al 90 % (forse anche di più) dei problemi della terra.
Se tutti riuscissimo a recepire e rispettare il principio di quelle poche, semplici e geniali parole non ci sarebbero più l’odio, l’oppressione, la sopraffazione, l’arricchimento indebito a scapito di altri uomini.
Nel 1948 l’Assemblea Generale dell’ONU aveva approvato la dichiarazione dei diritti dell’uomo precisando che “il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo”
Purtroppo, in oltre 60 anni non siamo stati capaci di fare nostri questi concetti: ogni uomo ha saputo vedere solo i propri diritti, senza riconoscere la stessa dignità agli altri uomini. Non siamo stati capaci di dare concretezza al fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo.
Cordiali saluti
Daniele Boldrini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.