Ricerca

» Invia una lettera

Dopo il 20 ottobre

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

21 ottobre 2007

Egregio direttore,

dopo la poderosa manifestazione del 20 ottobre scorso, cui hanno partecipato centinaia di migliaia di persone appartenenti al mondo del lavoro sfruttato, dipendente, subordinato e precario, oltre, naturalmente, ai dirigenti e ai militanti della sinistra (così, senza aggettivi) rappresentati dal “manifesto”, dal Prc, dal Pdci, nonché dalla Fiom e dalle aree programmatiche di “Lavoro e Società” e della “Rete 28 aprile”, entrambe della Cgil, il governo Prodi è più forte e il suo deuterantagonista Veltroni è più debole.
Chi è sceso in piazza ha infatti manifestato il suo fermo rifiuto delle politiche liberiste e la sua volontà di vedere applicato il programma dell’Unione, poiché non è possibile che il tema della lotta al precariato sia assunto dal Papa, mentre il Partito democratico inneggia alla legge 30 e il governo Prodi conclude un accordo con i sindacati e con la Confindustria, che abbandona i precari al loro destino di supersfruttamento ed emarginazione.
Tuttavia, il cammino per ricostituire il legame fra la sinistra e il suo popolo è ancora lungo, anche se, dopo questa importante prova di determinazione, radicamento e unità, meno difficile e irto di ostacoli di quanto non fosse prima. Ad una condizione, però, che è la seguente: la sinistra deve contrapporre la mobilitazione di massa, unitaria e militante, dei lavoratori e delle forze sinceramente democratiche sia alle derive oligarchiche e neocorporative sia alle derive populistiche e plebiscitarie della democrazia, cui stiamo assistendo da tempo. L’arma invincibile della sinistra è la stessa del mitico Anteo, un gigante che poteva essere sconfitto soltanto se perdeva il contatto con la terra, sicché solo tenendolo sollevato da terra Ercole poté strangolarlo. E la terra con cui non si può mai perdere il contatto è per la sinistra non solo quella inesauribile sorgente di forza e di autentico rinnovamento che è il popolo lavoratore, ma anche quella prospettiva ideale che dà un senso positivo e costruttivo alle lotte, alle proteste e alle mobilitazioni: una prospettiva che si chiama socialismo del XXI secolo.

Enea Bontempi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.