Ricerca

» Invia una lettera

E i buddisti che devastano le chiese?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

10 dicembre 2009

Egregio Direttore,
prendo spunto dall’articolo di VN "La mente gioiosa è quella buddhista" da cui sembrerebbe che questa religione, come d’altra parte è nell’immaginario comune, è seguita da persone mansuete e pacifiche che non farebbero male ad una mosca. Ebbene proprio ieri ho letto su "Avvenire online" questa notizia che gradirei fosse commentata da qualche buddhista nostrano:
=
Folla di buddisti devasta una chiesa

Era già stata oggetto di due attacchi negli ultimi anni la chiesa di Nostra Signora Mistica, a Cross Watta, nella zona di Ja-ela nella diocesi di Colombo, la capitale dello Sri Lanka, oggetto recentemente di un nuovo gesto di intolleranza anti-cristiana.
Anche questa volta i sospetti si concentrano su estremisti buddisti (la religione più diffusa nel Paese), proprio come successe nel 2006 e nel 2007 allorché una folla di integralisti “zafferano” (dal colore identificativo dei monaci buddisti) aveva distrutto le statue all’interno della parrocchia cattolica. Erano circa duecento gli estremisti che, armati, hanno fatto irruzione il 6 dicembre scorso appena dopo la conclusione della messa mattutina delle 7.
Hanno letteralmente distrutto l’interno dell’edificio sacro e cercato di picchiare il parroco, padre Jude Lakshman, che è riuscito a scappare insieme con i fedeli presenti alla funzione religiosa. L’automobile del prete è stata data alle fiamme. L’agenzia “Ucan” riferisce comunque che, fortunatamente, «non ci sono stati feriti». Padre Jude ha spiegato che l’assalto è stato causato «dalla paura dei buddisti, che qui sono la maggioranza, rispetto al crescente numero di cattolici nella zona». Per protestare contro l’insicurezza della parrocchia di Nostra Signora una folla di 500 cattolici è scesa in piazza chiedendo alle autorità maggior tutela.
Al momento la polizia ha effettuato l’arresto di una sola persona in merito all’assalto alla chiesa.=

Nel ringraziarLa per l’ospitalità Le invio i più cordiali saluti.

Carlo Colombo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.