Ricerca

» Invia una lettera

E’ il 27 agosto e io non ho più soldi per la spesa

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

29 agosto 2011

Buongiorno signor direttore,
eccoci al 27 di agosto sabato, mancano 5 giorni alla fine del mese e io, anzi e noi, parlo per la mia famiglia, cosa mangiamo in questi giorni, visto che i soldi sono finiti?? E sì è proprio così: ho 42 anni vivo in casa con i miei, lavoro in un’impresa di pulizie e la mia busta paga è di 350 euro, sì avete letto bene 350 euro!!
Sono stata assunta come socio lavoratore da questa cooperativa: in pratica non ho diritti è come se fossi uno dei principali che deve solo lavorare, non ammalarsi e se voglio il giorno di Natale pagato devo lavorare, ma ai tempi che siamo mi sono dovuta adattare a questo che mi fa sopravvivere, non vivere.
Papà è pensionato prende 1000 euro al mese e mamma casalinga!
Non è una bugia quello che vi sto per dire: la mia povera mamma è tre giorni che piange perché non sa come fare ad arrivare a fine mese. E sì, cari miei politici voi vi lamentate perché ridurvi lo stipendio vi farebbe fare una vita troppo sacrificata e piena di rinunce: niente più ferie in Sardegna. IO sono due anni che non ci vado (non mi ricordo neanche più come sia fatto l’Adriatico) niente più cene con gli amici, c’erano ancora i dinosauri quando sono riuscita a passare una serata fuori, per non parlare del parrucchiera: ebbene si ci vado due volte all’anno e i vestiti e le scarpe? L’ultimo acquisto risale a più di un anno e mezzo fa.
Che bella la vita con 1350 euro al mese. Eppure per i nostri politici sono troppi, andrebbero dimezzati così noi viviamo di aria. E le bollette, il gas la luce, chi le riesce più a pagare?!
Non mi vergogno a dirlo: ho dovuto disdire il telefono figuriamoci se me lo posso permettere un lusso così, infatti scrivo questa lettera da casa di una mia cara collega più fortunata di me!
Per non parlare dell’auto, la mia poverina ha 14 anni e spero vada avanti ancora per molto. La uso solo per andare al lavoro e fare quel poco di spesa, a quello che costa adesso la benzina devo stare più che attenta a far durare il pieno un mese.
Questa è la cruda realtà della vita quotidiana di noi italiani, sopravviviamo per arricchire la casta. Spero sempre un giorno di svegliarmi in un paese migliore ma questo è un sogno che non si avvererà mai.
La ringrazio per la gentile attenzione: spero che questa piccola goccia in mezzo all’Oceano, possa un giorno far cambiare le cose.

Distinti saluti
S.A

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.