Ricerca

» Invia una lettera

Emicrania e invalidità

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

22 ottobre 2007

Gentile signor Alberto,
adesso gliene racconto una sulle tante incongruenze del nostro sistema.
La Regione Lombardia ha ammesso l’emicrania cronica fra le malattie invalidanti e questa è sembrata una grande concessione verso coloro che convivono con questa vera e propria tragedia ( chi ne soffre, sa di cosa parlo) che impedisce praticamente di lavorare, che comporta l’assunzione di una serie infinita di farmaci, controlli e visite mediche con un costo elevatissimo e in pratica rende impossibile una vita normale.
Parlo di emicrania cronica forte ovviamente che prevede ricoveri e resistente ai farmaci, non di qualche sporadico mal di testa.
La Regione Lombardia non dice però che il massimo di invalidità che viene concesso è il 46%.
Con questo punteggio non si ha diritto a nulla tranne che eventualmente a una possibile precedenza per trovare un posto di lavoro, che comunque non si può svolgere data la gravità e della cronicità della patologia.
Morale: sono considerata invalida al 46% e poichè non mi serve a nulla in termini di eventuali sostegni, ho deciso di fare un quadretto del mio documento dove si certifica il mio stato di inutile invalidità. Grazie Formigoni: oltre il danno la beffa.

Roberta Lattuada

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.