Ricerca

» Invia una lettera

Fare le pulci serve a poco

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

28 aprile 2011

Egregio Direttore,

leggo solo ora la lettera “Risposte troppo semplici sulla globalizzazione” del Sig. Roberto Caielli a proposito di alcune risposte che il prof. Barone ha gentilmente dato ad alcuni miei quesiti. Personalmente, come già detto, ho trovato la lettera del Professore completa ed esauriente, e ritengo sterile la polemica sollevata perchè mi pare giochi sull’equivoco, “facendo le pulci” su questioni puramente terminologiche, o su frasi distolte dal complesso di cui non si è afferrato bene il significato. Ad esempio il termine “valida risposta” dato al blocco dell’immigrazione mi pare sia stato usato dal prof. Barone come riferita e come l’intendono le destre, e non certo le sinistre che al contrario l’hanno sempre ritenuta una provocazione demagogica. Ed anche la “competizione orizzontale” che si è determinata tra le diverse categorie di lavoratori a causa della globalizzazione non mi pare sia stata affatto assimilata alla “lotta di classe” (contro i capitalisti), di cui oggi tra l’altro (non so perchè) non si parla più. Con ciò non intendo fare l’ “avvocato d’ufficio” del prof. Barone, che non ha bisogno di alcuna difesa in quanto è in grado di ribattere magistralmente ad ogni critica, ma solo ristabilire la verità dei fatti. Credo che se avesse letto con più attenzione la lettera del Prof. il Sig. Caielli si sarebbe risparmiato simili critiche perchè avrebbe capito che in fondo lo spirito della lettera coincide con quanto egli stesso pensa.

Piuttosto che escogitare argomentazioni capziose non sarebbe meglio concentrare gli sforzi per cercare di dare appunto “valide risposte” a questi difficili problemi di politica sociale? Ovviamente dalla parte dei lavoratori. In proposito una, un po’ dirompente ce l’avrei: perchè non trasformare i Sindacati dei Lavoratori (che tanto sono già politicizzati) in Partiti politici? Così i Lavoratori potrebbero avere una rappresentanza parlamentare diretta (tanto più valida quanto più forte sarà il consenso elettorale) a sostegno dei loro diritti con la concreta possibilità di concorrere alla elaborazione delle leggi più utili per il mondo del lavoro (e si risparmierebbero anche i soldi di una “doppia rappresentanza” come quella odierna, quella sindacale e quella politica).

Giovanni Dotti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.