Ricerca

» Invia una lettera

Ferrovie e strade

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

26 gennaio 2009

Caro Direttore

Oggi, di spalla in prima pagina, sulla “Prealpina” c’è un bel corsivo di Gianni Spartà sulle nostre Ferrovie e sui problemi legati alla mobilità. Di questo problema se ne occupano spesso i mezzi di informazione; gli Amministratori intervengono con rappezzi e tamponi qua e la ma i problemi restano e, addirittura, peggiorano.
Si parla della necessità di grossi interventi pubblici per frenare o invertire la crisi che investe anche la nostra Regione oltre al mondo intero: perchè non pensare in grande e proporre un piano straordinario di intervento sulla mobilità in tutta l’area attorno a Milano? Gli Svizzeri, senza tanto rumore, stanno completando il passante ferroviario alpino (più di 50 km, a doppia corsia) che permetterà di far passare le merci ed i passeggeri al di sotto delle Alpi, senza salir di quota, a 250 km all’ora!
Con qualche chilometro in più e probabilmente con meno difficoltà, si potrebbe pensare ad una ferrovia metropolitana (interrata dove serve) che colleghi l’anello Milano, Varese, Como, Lecco, Bergamo; il traffico pendolare verrebbe quasi completamente assorbito da questa nuova linea. Si potrebbe andare in 30 minuti a Milano da tutte le Città allacciate e viceversa. Siamo una delle zone più congestionate e produttive più importanti del mondo: sarebbe sicuramente un buon investimento per la prossima generazione!

cordiali saluti

Luciano Lucchina

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.