Ricerca

» Invia una lettera

Fin dall’ incubatrice il Pd è un bivio

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

20 maggio 2013

Caro direttore,
fin dall’ incubatrice il Pd è un bivio, una strada tortuosissima quella di questo strano partito, piena di ostacoli e cartelli stradali.
Oddio, vedere in Epifani la sagoma risorta di Togliatti fa un po’ sorridere, basti pensare ai danni che la concertazione ( leggi calata delle braghe) ha causato ai lavoratori di fatto espropriati dei diritti e riportati spesso al giogo del ricatto per capire che la Fiom non è una forza estremista al limite del brigatismo, ma quel che resta delle sacrosante rivendicazioni sindacali
La socialdemocrazia in Italia è una cosa indefinita, ormi un po’ datata, adattabile alla bisogna dei meno bisognosi; se ne parla in termini vaghi e ha contorni che ben delimitano il terreno oltre il quale non si va, pena secondo alcuni la perdita del consenso e la vittoria del Pdl, altro partito che non si riesce a capire cosa è, a che ideali politici si ispiri tranne l’invenzione di scappatotoie per farla far franca al Capo e ai capetti.
Non sono affatto certa che chi starebbe, secondo giudizi appossimativi, a sinitra del Pd si disperderebbe in isole e isolette deserte, perchè c’è in giro tanta ( ma tanta) gente po-ve-ra, vessata da governi decisi, in barba alla decantata democrazia, da pirati del capitale che si scelgono il Capo dello Stato, il premier e Parlamento che aggrada loro
Se a queste persone venisse proposta un’alternativa che non sia un urlatore il quale fingendosi spudoratamente un nemico del sistema ne regge il gioco o una pallida signorina che vuole le domeniche a piedi per il bene dei nostri polmoni, ma non si sogna neppure di mettersi contro le categorie per cui, tanto per fare un esempio, abbiamo le autostrade invase da tir per far transitare i quali ci vorrebbero autostrade a trenta corsie e relativo indotto di smog, incidenti etc, forse avremmo risolto il problema della parte da cui stare una volta per tutte senza dover andare a votare con la bussola.
Non è questione di comunismo, destra, sinistra, centro, ma di scelte e priorità, tutele e diritti.

Roberta

Roberta

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.