Ricerca

» Invia una lettera

Freddo e Ferrovie Nord

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

24 novembre 2008

Gentile Direttore,
le scrivo per parlare di un problema di cui è senza dubbio a conoscenza: le Ferrovie Nord, o meglio, come si fanno chiamare ora, Le Nord.
Questa mattina, l’ennesimo viaggio insostenibile. Nell’impianto di Saronno, a causa del freddo non è partito il treno che effettua tutte le fermate tra Saronno e Milano Cadorna.
Direi che nel 2008, in Lombardia, regione che si proclama “motore dell’Italia”, la temperatura atmosferica è un motivo più che valido per non riuscire a far partire un treno…
Per questo motivo, comunque, il nostro treno, della tratta Laveno-Varese-Milano, che dopo quattro stazione non permette più alle persone di sedersi e in cui si viaggia sempre in condizioni pessime, è stato fatto fermare nelle stazioni di Garbagnate e di Bollate, dove i passeggeri NATURALMENTE, non riuscivano a salire e per questo motivo si sono sentiti insulti inutili e assurdi.
E’ ormai chiaro che le ferrovie fanno emergere il peggio dalle persone, tuttavia credo che peggio di coloro che le dirigono sia difficile.
Naturalmente, una volta scesi dal treno ormai in ritardo, è stato impossibile parlare con qualcuno dei dipendenti delle Ferrovie che, pensando alla loro incolumità, hanno pensato bene di scomparire nel nulla.
Sono 11 anni che prendo i treni delle Ferrovie Nord, e ogni giorno che passa la situazione peggiora considerevolmente invece di migliorare.
Ed è meglio non fare cenno alla pulizia e a tutto ciò che significherebbe offrire un servizio.
E poi hanno anche il coraggio di parlare dell’importanza dell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico per non intasare le strade e per non inquinare… Forse prima di parlare tutti i nostri politicanti dovrebbero usare almento una volta i mezzi. Sono pessimi e sfociano nel ridicolo.

Lettera firmata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.