Ricerca

» Invia una lettera

Giusta la sentenza sul rapimento del cane, sbagliata la motivazione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

21 gennaio 2009

Caro direttore,

è apprezzabile la sentenza che condanna chi ha rapito e abbandonato un cane.
Non condivido però assolutamente la motivazione della condanna che ha definito e giudicato l’animale come ” testimone affettivo”
Un cane, un gatto, un piccione, un pesce e anche un insetto non hanno valore perchè sono cari o preziosi per i proprietari; valgono in proprio in quanto esseri viventi che amano, gioiscono e soffrono.
Un animale non è importante in quanto proprietà di qualcuno e la parte lesa non è solo il legittimo proprietario, ma l’ANIMALE. Sono stati fatti dei passi avanti, ma non ci siamo ancora e mi dispiace che l’Enpa non l’abbia sottolineato.
Meno risarcimenti e pene più severe per chi causa sofferenza agli animali.

Roberta L.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.